Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CASERTANA – Falchetti solidi e cinici: ecco gli straordinari numeri della squadra di Ugolotti


    Dopo l’ennesima vittoria senza subire gol da parte della squadra di Guido Ugolotti, un analisi sui numeri dei Falchetti da quando è arrivato l’ex tecnico del Grosseto La Casertana sbanca l’Arturo Valerio di Melfi e vola sempre più in alto in classifica, staccando di sei punti il nono posto ed avvicinandosi alla vetta, occupata attualmente dalla premiata ditta Teramo – Cosenza, a solo tre lunghezze […]

    Dopo l’ennesima vittoria senza subire gol da parte della squadra di Guido Ugolotti, un analisi sui numeri dei Falchetti da quando è arrivato l’ex tecnico del Grosseto

    La Casertana sbanca l’Arturo Valerio di Melfi e vola sempre più in alto in classifica, staccando di sei punti il nono posto ed avvicinandosi alla vetta, occupata attualmente dalla premiata ditta Teramo – Cosenza, a solo tre lunghezze di distanza.

    I Falchetti fanno quello che gli viene meglio da quando è arrivato Guido Ugolotti: concretizzare il minimo e portare a casa il massimo, grazie ad una difesa ben organizzata e sempre lucida.

    A sbloccare e decidere la gara di Melfi è stato Carmine Cuccinielloottavo giocatore a segno nell’era Ugolotti, il quarto centrocampista. Poi tanta densità ed aggressività, a difesa di un minimo vantaggio prezioso. Idda, Rinaldi e Conti, tutti centrali di esperienza, aiutati dall’intelligenza tattica degli esterni bassi D’Alterio e Pezzella, e dalla generosità di mediani come Cruciani, Marano o Cucciniello.

    Un sistema difensivo che fa sorridere l’ex tecnico del Benevento e che fa contento il presidente Lombardi che al termine del derby con l’Aversa ha dato una direttiva ben precisa: “In questo campionato, bisogna fare più punti possibili prima della sosta e per vincere basta non prendere gol”.

    Detto fatto e, da quando è stato silurato Eziolino Capuano ed è stato ingaggiato Ugolotti, la Casertana ha il secondo miglior rendimento del campionato con 25 punti in 12 partite (una media poco superiore di 2 a partita), dietro solo al Foggia (26) ed avanti alle due (ormai quasi ex) battistrada Teramo e Cosenza (entrambe ferme a 22).

    Ma di dati confortanti del post Capuano ce ne sono molti. I Falchetti sono la squadra che ha vinto di più (7) volte, insieme al Foggia. E’ la migliore difesa del campionato con 6 gol subiti ed in casa, nei secondi tempi, non ha mai concesso una rete. Insieme a Cosenza e Foggia, non ha mai perso tra le mura amiche, condividendo con i Lupi anche la palma di migliore retroguardia interna del girone, con solo 2 reti incassate. Fuori casa, invece, ha il secondo miglior rendimento insieme al Teramo (11 punti), dietro solo al Foggia (13), e la seconda migliore difesa (solo 4 gol subiti), preceduta, ancora una volta, dai Satanelli (3).

    Numeri da capogiro. Numeri da promozione. Numeri che producono risultati e punti. Numeri che permettono di sognare. Numeri difficilmente migliorabili. Ma che possono essere migliorati. In attacco. Perchè, magari, qualche partita, può essere chiusa, senza bisogno di soffrire fino all’ultimo minuto ma, forse, è verso quello che dice Guido Ugolotti: “Questa squadra è nata per soffrire”.

    Raffaele Cozzolino

    PUBBLICATO IL: 12 dicembre 2013 ALLE ORE 14:18