Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CALCIO, serie D. MARCIANISE, superato l’esame Turris, si guarda al futuro con ottimismo


    In casa Gladiator, dopo le dimissioni di Cimmino e lo sciopero proclamato dai calciatori, qualcosa sembra si stia muovendo. Abbastanza velocemente per permettere la presenza in campo domenica a Matera

    I tifosi del Progreditur Marcianise

    I tifosi del Progreditur Marcianise (foto: progrediturmarcianise.it

    Un punto importante sì, un punto d’oro no. Tanto vale lo 0-0 del ‘Liguori’ contro la Turris per il Progreditur Marcianise. Il secondo pareggio a reti bianche consecutivo ma che è stato giustamente accolto diversamente da quello di una settimana prima con il Bisceglie.

    Al ‘Liguori’ la formazione allenata da Foglia Manzillo ha giocato da grande squadra: ha mostrato carattere e tenuto i nervi saldi, è stata giustamente prudente visto il valore degli avversari, soprattutto all’inizio dei due tempi quando i corallini attaccavano a spron battuto per sbloccare il risultato, facendo anche le barricate quando serviva grazie all’esperienza della mediana (Vitiello-Temponi-Viola) ed alla diligenza degli esterni (Rossetti e Verdone). A conti fatti, una squadra corta e concentrata che ha permesso ad Imbimbo di rischiare poco, considerando i pericoli che gli si potevano porre davanti. Poi i gialloverdi, aspettato il momento giusto per ripartire, cominciavano a far possesso palla e venivano fuori, cominciando ad impensierire la porta difesa da Liccardo, prima con la velocità di Citro ed Allegretta e poi con gli innesti nella ripresa di Iadaresta e Tenneriello. Con il risultato che anche il tecnico della Turris Pensabene, alla lunga, ha dovuto alzare il pedale dei suoi dall’accelleratore.

    Il pareggio a reti bianche con cui si è chiuso la partita è importante perché non era facile fare risultato su un campo difficile come quello di Torre del Greco e perché taglia fuori una rivale importante lontana, sebbene con una partita in meno, ora 6 punti dai gialloverdi e 9 dalla capolista Matera. Ma lo 0-0 e la contemporanea vittoria dei lucani a Grottaglie, portano la capolista a tre punti di distanza: dieci giorni fa i marcianisani erano 1 punto avanti. Ma è inutile recriminare: ora l’obiettivo è, se non accorciare le distanze dai materani, quantomeno tenere il loro passo, fino allo scontro diretto del ‘Progreditur’ in cui giocarsi il tutto per tutto per la promozione in LegaPro.

    Quindi nulla è perduto ma ora bisogna tornare a vincere già da domenica prossima contro il Brindisi. Una gara che presenta molte analogie con quella appena disputata: come la Turris, i pugliesi hanno potuto usufruire di una settimana di riposo in attesa del Progreditur e sono all’ultima occasione per rientrare nella lotta per la promozione. Occorrerà il miglior Progreditur, sia in campo che… sugli spalti!

    Quanto al Gladiator, le vicende extra-campo (le dimissioni di Cimmino, lo sciopero dei giocatori) hanno fatto passare in secondo piano quanto fatto sul campo contro la Gelbison in quella che è stata la miglior partita, se non della stagione, quanto meno della gestione Cimmino. Un dominio che avrebbe meritato la vittoria ma che, solo per sfortuna, non è bastato a portare a casa i tre punti.

    Il rischio concreto è che domenica la squadra non sia in campo a Matera. In queste ore sembra che qualcosa si stia muovendo, vedremo con quale velocità

    Redazione sportiva

     

    PUBBLICATO IL: 26 febbraio 2014 ALLE ORE 19:03