Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    CALCIO, le serie minori. CASAGIOVE, Scarpato: non è ancora finita


    Il nuovo innesto nell'Hermes ha ritrovato il fratello con cui aveva già giocato nel Pianura: “Spero di condividere tante soddisfazioni con l’Hermes”

    Vincenzo Scarpato

    Vincenzo Scarpato

    Ha deciso l’ultima gara di campionato ma spera “di condividere tante soddisfazioni con l’Hermes”. E’ Il nuovo innesto Vincenzo Scarpato, che con un goal ha regalato la vittoria (di misura) sul Villa Literno, permettendo all’Hermes Casagiove di rompere l’incantesimo in un febbraio nefasto che ha allontanato i casagiovesi dalla vetta.

    Ma c’è ancora tutto il tempo per risalire la china, traendo il meglio dai prossimi impegni. A partire dalla trasferta di domenica a San Vitaliano. “La mia avventura a Casagiove – afferma il 29enne attaccante, due volte a segno nelle prime due presenze in maglia giallorossa – è iniziata piuttosto bene. Anche se non è stata una grandissima prestazione contro i liternesi, serviva uscire dal trend negativo (due punti nelle precedenti tre partite). Nel calcio i mali si curano con le vittorie. Sin dal mio arrivo, il gruppo mi ha accolto bene. Spero di ricambiare il trattamento, condividendo quante più soddisfazioni possibili. Riguardo la classifica, io non la vedo nerissima, sono dell’opinione che è ancora tutto aperto”.

    Prima di arrivare a Casagiove, Scarpato non giocava da circa quattordici mesi per un’operazione alla spalla. “Non ero sicuro di ritornare a giocare. Fortunatamente, sono ritornato ma soffro ancora qualche acciacco. Il mister sta centellinando le mie presenze, affinché poco alla volta riprenda la migliora forma”. E’ ripartito dunque dall’Hermes dove c’era già il fratello minore Giovanni. “La passione per il calcio non è mai morta, così ho chiesto a Giovanni se c’era la possibilità di farmi allenare. Non sono partito con l’idea di firmare ma quando è giunta l’intesa con l’Hermes, sono stato contento di tesserarmi. Attualmente credo di arrivare a stento al 50% della mia condizione, poiché ho quasi un mese di allenamento. Mi auguro comunque di arrivare, in seguito ad un miglioramento graduale, al massimo della forma. Tornare a giocare insieme a mio fratello – dopo il Pianura – è stato il primo desiderio. Anche se è arrivata la proposta di qualche altra squadra, ho preferito giocare con Giovanni, poiché credo che sia una bellissima emozione”.

    Redazione sportiva

     

    PUBBLICATO IL: 27 febbraio 2014 ALLE ORE 18:12