Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    BASKET. La presentazione di PASTA REGGIA-Enel Brindisi


    Nella conferenza stampa pre-partita, coach Molin ha ringraziato per la fiducia Iavazzi. “Ora dobbiamo concretizzare il nostro lavoro con le vittorie”. E presenta i prossimi avversari “Penso che la squadra sia sana… un gruppo che vuole far tanto e che quando non riesce a superare ostacoli si comporta in maniera nervosa… ho apprezzato la posizione […]

    Il coach della Juvecaserta, Molin

    Nella conferenza stampa pre-partita, coach Molin ha ringraziato per la fiducia Iavazzi. “Ora dobbiamo concretizzare il nostro lavoro con le vittorie”. E presenta i prossimi avversari

    “Penso che la squadra sia sana… un gruppo che vuole far tanto e che quando non riesce a superare ostacoli si comporta in maniera nervosa… ho apprezzato la posizione del presidente Iavazzi su di me. Lo ringrazio pubblicamente. Voglio far ricredere chi ha criticato nelle ultime settimane e apprezzo anche il comportamento di Baioni…”.

    Queste è stato il commento sulla squadra e sul momento della Juve da parte di coach Molin, al termine di una settimana complicata e ricca di voci inquietanti sulla sua panchina a seguito del quarto ko consecutivo nel derby di sabato scorso.
    L’allenatore veneto ha anche commentato i commenti positivi ricevuti da due dei suoi predecessori più amati dalla tifoseria casertana: Marcelletti e Sacripanti: “Mi hanno fatto piacere le loro dichiarazioni. Non ci devono essere  preoccupazioni. I due coach hanno conosciuto l’ambiente prima di me e le loro parole sono positive… ho fiducia da parte di tutti, da staff a presidente ed Atripaldi. Mai sentito in discussione” e poi ha continuato: “Sono qui grazie al
    progetto presentato e messo in condizione di far bene… più normale la nostra sofferenza dei 4 ko che la partenza sprint. Nessuno avrebbe detto nulla se avessimo perso con Venezia… ora dobbiamo concretizzare il nostro lavoro con le
    vittorie”. E su Roberts e Scott ha detto: “Roberts sta meglio, ha ripreso a schiacciare, Scott sta bene… inizialmente è stato sopravvalutato. Questo non vuol dire che il suo potenziale sia quello visto nelle ultime gare”.

    Dopo aver parlato dei suoi ragazzi, Molin è passato a presentare l’ avversario di domenica, la capolista Enel Brindisi: “Arrivano in un grande momento per loro, nelle ultime tre gare hanno espresso un buon livello di basket, hanno  giocatori più esperti e attacchi più equilibrati dei nostri. Scenderemo in campo con voglia di rivalsa. James ha impressionato parecchio. Aminu si è inserito bene nel roster. La loro chimica li ha portati nei piani alti… proveranno a limitare la nostra circolazione di palla”.
    Forse arriva l’ avversario peggiore che potesse capitare in questo momento ad una Pasta Reggia in crisi di risultati, ma certe volte sono proprio queste le partite del rilancio, come per esempio il match dello scorso anno contro Bologna: doveva essere una disfatta clamorosa (addirittura la partita non fu quotata da molte agenzie di scommesse) ed invece la Juve vinse e da lì inizio il quasi miracolo casertano.
    Come ha ricordato Molin, l’Enel di coach Bucchi è dotata di atletismo e di fluidità di gioco, oltre che di un notevole atletismo, ma da quel punto di vista è difficile mettere Caserta in difficoltà.
    Sono molto bravi su entrambi i lati del campo, se no non avrebbero uno score di cinque vittorie su sei in questo campionato, quindi sarà fondamentale una difesa aggressiva ed un attacco ragionato, oltre ad un Roberts migliore di
    quello delle ultime uscite. Sicuramente serviranno percentuali al tiro da tre decisamente migliori di quelle delle ultime uscite e sicuramente occorrerà il supporto del PalaMaggiò vista anche l’affluenza di tifosi pugliesi.
    La Juve l’anno scorso perse in Puglia dopo aver sfiorato una rimonta clamorosa nell’ ultimo quarto, mentre nel ritorno, dopo la truffa Galimberti, la squadra di Sacripanti vinse contro un Enel che ormai aveva perso le ambizioni di playoff del girone d’andata.
    Il primo incontro tra le due squadre, dopo l’ approdo in serie A di Brindisi,  fu teatro di piccoli tafferugli e della prima vittoria stagionale della Juve dopo cinque sconfitte di fila in avvio di campionato e si ripetete facilmente anche al ritorno. Brindisi quell’anno retrocesse ed è tornata nel massimo campionato solo la passata stagione.
    Il precedente più recente è quello del X Torneo Città di Caserta di settembre, quando Caserta sconfisse Brindisi nella finale per il terzo e quarto posto.

    Emanuele Terracciano

    PUBBLICATO IL: 23 novembre 2013 ALLE ORE 12:27