Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    BASKET. JUVECASERTA, contro Pistoia sarà come guardarsi allo specchio


    Pistoia ha caratteristiche tecniche molto simili a Caserta, facendo dell’atletismo la sua arma principale. Ma questa volta l’assenza di Moore potrebbe farsi sentire La sfida di domenica del PalaMaggiò contro Pistoia, per la Pasta Reggia, oltre che “l’ultimo treno per Milano” è l’occasione di riprendere la retta via dopo le sconfitte contro Sassari e Cremona. La Giorgio […]

    Pistoia ha caratteristiche tecniche molto simili a Caserta, facendo dell’atletismo la sua arma principale. Ma questa volta l’assenza di Moore potrebbe farsi sentire

    La sfida di domenica del PalaMaggiò contro Pistoia, per la Pasta Reggia, oltre che “l’ultimo treno per Milano” è l’occasione di riprendere la retta via dopo le sconfitte contro Sassari e Cremona. La Giorgio Tesi Group dopo l’avvio difficoltoso sta trovando una certa continuità di risultati ed alla vigilia della sfida di domenica è a pari punti con la Juve Caserta.

    Domenica scorsa, aldilà della brutta prestazione generale, i lunghi di Cremona non hanno fatto sentire in modo particolare l’assenza di Moore, ma domenica con JJ Johnson in campo potrebbe essere tutt’altra cosa. Quindi il gioco interno potrebbe penalizzare la Juve in quella che dovrebbe essere l’ultima partita senza un lungo. Ma la stella di questa squadra è Wanamaker: esterno classe 1989 che quest’anno viaggia a 15 pt di media e che insieme a Gibson forma una short line davvero temibile.

    La stagione di Pistoia da neo promossa le sta riservando soddisfazioni dopo l’impatto traumatico con la massima serie, domenica ha sconfitto di un punto Bologna in casa, ma anche Venezia e Varese sono cadute in Toscana. Come ha ricordato coach Molin nella conferenza stampa odierna Pistoia presenta caratteristiche tecniche molto simili a quelle di Caserta: infatti anche la Tesi Group fa dell’atletismo la sua arma principale ma a Caserta manca sempre Moore e stavolta la sua assenza potrebbe farsi sentire.

    Atripaldi ha chiesto una mano al pubblico casertano, dopo aver biasimato la pratica dei “processi” dopo ogni sconfitta, perché per citare le sue parole “non giochiamo contro i Lakers, sono una buona squadra come noi”.

    Emanuele Terracciano

    PUBBLICATO IL: 10 gennaio 2014 ALLE ORE 18:21