Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    BASKET. JUVECASERTA ancora dalle due facce in casa


    Primo tempo che ha ricordato molto la sfida del Forum di quindici giorni fa, secondo con un Roberts finalmente protagonista. Con l’imminente arrivo di Chris Duhon i playoff non sono un miraggio La vittoria di ieri sera tiene vivo il sogno playoff per la Pasta Reggia che, con l’annunciato arrivo di Chris Duhon (che è […]

    Roberts grande protagonista della partita con Reggio Emilia

    Primo tempo che ha ricordato molto la sfida del Forum di quindici giorni fa, secondo con un Roberts finalmente protagonista. Con l’imminente arrivo di Chris Duhon i playoff non sono un miraggio

    La vittoria di ieri sera tiene vivo il sogno playoff per la Pasta Reggia che, con l’annunciato arrivo di Chris Duhon (che è un playmaker e non una guardia come erroneamente avevamo scritto ieri), spera di fare un salto di qualità notevole. Ancora una volta, dopo la partita con Pesaro, la Juve in casa vive una partita dal doppio volto: quello abulico in attacco del primo tempo e quello decisamente migliore del secondo. All’intervallo le statistiche della Juve erano le seguenti: punti realizzati 23, tiro da due 21% (4/19), 0 schiacciate, tiro da tre 1/9 (11%), totale tiri 18% (5/28), tiri liberi 86% (12/14). Si prospettava un’altra partita come quella del Forum con numeri offensivi davvero brutti ed una serie tiri molto forzati: solo i tiri liberi tenevano a galla la Caserta che riusciva a procacciarsi un buon numero di viaggi in lunetta anche grazie alla fallosità della Grissinbon (14 falli commessi all’intervallo e 32 finali). Hannah restava in campo 15’ nel primo tempo mettendo a segno 6 pt con un assist e 2 palle perse.

    Il secondo tempo ha visto una trasformazione radicale dell’attacco bianconero: la Juve mette a segno 51 pt nei secondi due quarti, numero nettamente differente dai 23 dei primi due e si rialzavano notevolmente anche le percentuali a fine partita: 38% (13/34) da due, 3 schiacciate, 30% (6/20) da tre, 35% (19/54) dal campo, 77% (30/39) ai tiri liberi. La svolta arrivava quando Molin trovava l’equilibrio giusto con un quintetto piccolo che vede spesso Brooks e Scott fungere rispettivamente da 4 e da 5 per avere un migliore trattamento della palla in campo e costruire un giro palla migliore. Il protagonista principale della riscossa bianconera è però Chris Roberts che è tornato rigenerato dalla vacanza negli USA, chiudendo la partita con un eccellente 75% (3/4) da tre punti ed ha fatto vedere tutto il suo talento prendendosi sulle spalle la squadra e dimostrando di meritare di essere qui.

    Nel dopo gara il gm Atripaldi ha ironizzato sulla prestazione di Roberts dicendo: “avete visto la guardi americana che vi ho portato nell’intervallo?” ed ha aggiunto “se lo sostituisco mi sparano”. Insomma la Pasta Reggia porta a casa una partita che, dal punto di vista dello spettacolo, ha offerto molto poco, ma l’importante erano i due punti che, per seguire il programma di Molin, riducono a due soli punti la distanza dalla salveza matematica e lasciano ancora evidentemente la Juve in corsa per la post season.

    L’arrivo di Duhon (bisogna aspettare l’adempimento di tutte le pratiche burocratiche per darne l’ufficialità), giocatore dalla grande esperienza in NBA, potrebbe dare la svolta alla stagione della Juve offendo quel playmaking efficace che possa far migliorare le percentuali di tutti che Hannah, per vari motivi, non era stato in grado di offrire. Ovviamente la crescita della Pasta Reggia passa anche da quella di Chris Roberts che, se gioca sempre in modo simile a ieri sera, potrebbe diventare un fattore non da poco. Nei primi giorni della settimana Atripaldi parlerà con gli agenti di Hannah per stabilire il suo futuro che sarà comunque lontano da Caserta.

    Emanuele Terracciano

    PUBBLICATO IL: 16 febbraio 2014 ALLE ORE 13:24