Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA TARES E DIFFERENZIATA a MONDRAGONE, a rischio annullamento i ruoli. Pagliaro dell’Udc: “Noi bugiardi? La giunta ha stabilito parametri e indici per spremere i cittadini”


        IN CALCE ALL’ARTICOLO LA SENTENZA CHE METTEREBBE IN DISCUSSIONI I RUOLI DI AFFIDAMENTO TARES.  MONDRAGONE - Il consigliere Alessandro Pagliaro dell’Udc torna sulle questioni Tares e sulla Raccolta Differenziata, entrambi oggetto dei manifesti fatti affiggere dall’amministrazione comunale di Mondragone. Nel primo caso, quello della Tares, il sindaco Schiappa accusò gli esponenti delle minoranze […]

     

    Nelle foto, Sandro Pagliaro e Giovanni Schiappa

     

    IN CALCE ALL’ARTICOLO LA SENTENZA CHE METTEREBBE IN DISCUSSIONI I RUOLI DI AFFIDAMENTO TARES. 

    MONDRAGONE - Il consigliere Alessandro Pagliaro dell’Udc torna sulle questioni Tares e sulla Raccolta Differenziata, entrambi oggetto dei manifesti fatti affiggere dall’amministrazione comunale di Mondragone. Nel primo caso, quello della Tares, il sindaco Schiappa accusò gli esponenti delle minoranze di essere dei semplici sobillatori, in quanto quando in Consiglio comunale fu portato il regolamento Tares, votato con la proposta di rateizzazione, anche l’opposizione propose e sostenne la ripartizione del carico fiscale.

    Ebbene, oggi il consigliere Pagliaro ha deciso di indossare l’elmetto e di replicare al manifesto della giunta: “Altro che bugiardi, noi abbiamo agito così, in quanto avremmo potuto generare un disastro economico al Comune di Mondragone e pregiudicare il futuro delle venture generazioni. L’unica cosa che non hanno scritto gli esponenti della maggioranza abusiva, è il fatto che gli indici e le tabelle le hanno stabilite loro”.

    La replica di Pagliaro poi punta il dito sulla questione della mancata riduzione degli indici: ” Ci avevano promesso, in un confronto con l’opposizione che avrebbero diminuito alcuni parametri, invece… Pensano a rispondere solo sull’Imu, Tares ecc, ma come fronteggeranno la milionaria anticipazione di cassa? Spremendo i mondragonesi come dei limoni?”.

    Sul secondo manifesto, Pagliaro rilancia: “Se si è giunti al 45% di raccolta differenziata, vogliamo allora cominciare a diminuire il carico fiscale…..?”

    Ma c’è di più il consigliere dell’Udc, analizzando una sentenza del Tar Puglia, precisamente quella del 5 agosto 2013, n. 1771 è riuscito a scorgere un problema che potrebbe interessare anche la città di Mondragone: “Il sindaco e i suoi, invece di mandare  i ruoli Tares dovrebbe preoccuparsi di quanto affermato in tale sentenza, che renderebbe nulli tutti i ruoli affidati quando il tributo era Tarsu. Oggi con la Tares dovrebbe fare un nuovo affidamento con gara ad evidenza pubblica altro che manifesto…”.

    Max Ive 

     

    QUI SOTTO LA SENTENZA

    Sentenza Tar Puglia 5 agosto 2013, n. 1771

    Rifiuti – Tarsu – Concessione servizio accertamento e riscossione – Istituzione della

    Tares – Prosecuzione concessione del servizio col nuovo tributo – Esclusione – Motivi

    La Tares è un nuovo tributo rispetto alla Tarsu, per cui dopo la sua abrogazione e

    sostituzione con la Tares sono privi di effetti i contratti di affidamento del servizio

    accertamento e riscossione del tributo. Lo ha deciso il Tar Puglia nella sentenza 5

    agosto 2013, n. 1771.

    Il contratto tra il Comune e l’impresa ricorrente per l’accertamento e riscossione della

    Tarsu oggetto del giudizio davanti al Tar pugliese stabiliva la decadenza automatica

    della concessione in caso di mutamenti legislativi che avessero eliminato l’oggetto

    del contratto. Il Dl 201/2011 ha istituito la Tares “abolendo” la Tarsu e quindi

    realizzando quella condizione prevista dal contratto, che è decaduto ipso iure.

    I Giudici ritengono che la Tares non abbia semplicemente “modificato” la Tarsu ma

    l’ha sostituita, essendo finalizzata – innovativamente – alla copertura dei costi relativi

    ai servizi obbligatori e indivisibili dei Comuni oltre che di quelli inerenti al servizio

    di gestione dei rifiuti urbani ed assimilati avviati allo smaltimento svolto in regime di

    privativa pubblica.

    - See more at: http://reteambiente.it/news/19081/tar-puglia-vecchi-affidamenti-tarsu-
    non-validi-pe/#sthash.FNinK2ic.dpuf

    PUBBLICATO IL: 5 gennaio 2014 ALLE ORE 12:10