Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    SESSA AURUNCA – Querelle plessi scolastici delle Toraglie, l’assessore Calenzo: “Dal centrosinistra solo strumentalizzazioni”


    COMUNICATO STAMPA – Secondo il delegato all’Istruzione l’azione amministrativa verso la frazione più disagiata del comprensorio urbano aurunco è stata ideata e ragionata tenendo conto delle necessità di 18 alunni SESSA AURUNCA - La prima regola cui attenersi quando si parla della Scuola Pubblica è evitare accuratamente ogni genere di strumentalizzazione, per non rischiare di […]

    Nella foto, a sinistra Luigi Tommasino, a destra Italo Calenzo

    COMUNICATO STAMPA – Secondo il delegato all’Istruzione l’azione amministrativa verso la frazione più disagiata del comprensorio urbano aurunco è stata ideata e ragionata tenendo conto delle necessità di 18 alunni

    SESSA AURUNCA - La prima regola cui attenersi quando si parla della Scuola Pubblica è evitare accuratamente ogni genere di strumentalizzazione, per non rischiare di creare confusione in un mondo che non ne ha assolutamente bisogno.

    Detto questo, veniamo al tema dei plessi scolastici siti nella zona delle “Toraglie”, partendo da una premessa indispensabile: questa Amministrazione Comunale ha ritenuto di accogliere le esigenze di tutti i genitori e, quindi, di mantenere aperti, per quanto possibile, tutti i plessi scolastici in esercizio.

    Si è voluto garantire, inoltre, a fronte delle richieste delle famiglie di ben diciotto alunni di Santa Maria a Valogno, frequentanti la scuola primaria, la riapertura del  plesso scolastico di tale frazione, la più disagiata dal punto di vista geografico e dei collegamenti stradali rispetto ad altri plessi. Tale operazione, effettuata seguendo logiche oggettive e concrete, è stata portata avanti in piena sinergia con il Dirigente Scolastico.

    Inoltre, potendo eliminare un fitto passivo, precisamente quello relativo alla scuola dell’infanzia ospitata presso i locali parrocchiali della frazione di San Martino, si è ritenuto, visto anche in questo caso un numero maggiore di alunni provenienti dalla frazione di Santa Maria a Valogno, di trasferire il plesso di San Martino presso la riaperta scuola di Santa Maria a Valogno, i cui spazi e le aule ben si prestano alle esigenze didattiche degli alunni.

    Alla luce di ciò, è palese quanto sia falso e ridicolo quanto sostenuto dalla coalizione di centrosinistra e cioè che “gran parte delle famiglie delle Toraglie non sa ancora dove portare i propri figli a scuola e quali plessi rimarranno aperti”.

    Rimane da risolvere la sola questione del plesso della scuola primaria di Corigliano. In un primo momento era stato deciso, poiché il numero degli alunni lo consente e secondo quanto disposto dal DPR n° 81/2009 art.10, di tenerlo aperto; da qualche giorno, invece, il Dirigente Scolastico ha deciso autonomamente di chiuderlo, nonostante il parere contrario dell’Amministrazione Comunale.

    La coalizione di centrosinistra con le sue dichiarazioni dimostra di non sapere nulla della questione; ritengo che, come al solito, si esasperino i toni, ricorrendo ad “aggressioni verbali” che palesano solo  frustrazioni e strumentalizzazioni politiche.

    L’opposizione politica ha valore solo quando è oggettiva e si basa sulla reale conoscenza delle questioni; invece spesso, con troppa superficialità e presunzione, si affrontano problematiche importanti senza neanche avere il coraggio di palesarsi con nomi e cognomi.

    Il “nostro” dimensionamento scolastico, perseguito in oltre due anni di Amministrazione Tommasino, è tra i più efficienti e razionali della regione Campania, nonostante le peculiarità del territorio che rendono più complessa l’attuazione di un piano che miri ad assicurare una rete scolastica, il più possibile efficiente e rispondente alle esigenze dei suoi fruitori.

    Comunicato stampa dell’Assessore alla Pubblica Istruzione dott. Italo Calenzo.

    PUBBLICATO IL: 10 settembre 2013 ALLE ORE 12:03