Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    SESSA AURUNCA. Il segretario del Pd Sasso: ” La Selva e la Cotoniera vanno trattate come pari. Gli uomini delle istituzioni siano imparziali ed equilibrati”


    Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa del Partito Democratico di Sessa Aurunca SESSA AURUNCA – Tranne che per qualche infelice battuta del Consigliere Topo, evidentemente male informato su fatti, personaggi e circostanze di Sessa, la visita di una delegazione della Commissione Consiliare Speciale per il controllo delle bonifiche ambientali della Regione Campania costituisce un […]

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa del Partito Democratico di Sessa Aurunca

    SESSA AURUNCA – Tranne che per qualche infelice battuta del Consigliere Topo, evidentemente male informato su fatti, personaggi e circostanze di Sessa, la visita di una delegazione della Commissione Consiliare Speciale per il controllo delle bonifiche ambientali della Regione Campania costituisce un passaggio di grande importanza. Il fatto poi che la gran parte dei Consiglieri intervenuti sia del Partito Democratico è motivo di ulteriore completezza dell’impegno profuso in Parlamento su tutta la questione “Terra dei Fuochi” dall’On. Picierno e dalla Senatrice Capacchione, entrambe membri PD della Commissione Antimafia.

    L’Amministrazione di Sessa ha accumulato un clamoroso ritardo in materia ambientale lasciandosi solo trascinare dalla associazioni e dall’incalzare degli eventi. Del resto i trascorsi di qualche Assessore non sono proprio il massimo in questo campo. Ma l’importante è procedere coralmente nell’interesse del territorio e avviare l’opera di bonifica e risanamento.

    Un punto, però, va chiarito con forza e subito: si ponga la stessa attenzione, lo stesso impegno e la stessa quantità di risorse sia sulla “Selva” che sulla “Cotoniera”.

    Non siano maldestre idee sulla successiva destinazione delle aree a determinare un atteggiamento differenziato. Le  bonifiche si  ispirano principalmente al risanamento ambientale e alla tutela della salute, almeno di quella parte ancora non compromessa. Ora la Selva – collocata a monte e sulle falde acquifere – è attualmente un mistero inesplorato, una “bomba ecologica” che incombe sui cittadini, mentre la “Cotoniera” – in zona Garigliano – è un sito sotto controllo, gestito secondo le normative e sottoposto alle verifiche di rito. Dunque non si privilegi quest’ultimo solo per liberarne la superficie in una zona in cui si posano forti interessi privati. Il vincolo paesaggistico che insiste su quell’area in  ogni caso lo protegge da interventi invasivi o speculativi. Non si sbilanci allora l’opera di bonifica sul territorio per inseguire progetti forzati, mentre altri investimenti in chiave ambientale su quella stessa area produrrebbero effetti economici perfino più positivi.

    La Selva e la Cotoniera pari sono. Gli uomini delle Istituzioni siano imparziali ed equilibrati.

        p. PD Sessa Aurunca – Il Segretario

        Avv. Silvio Sasso

     

    Sessa Aurunca 21 Febbraio 2014

    PUBBLICATO IL: 21 febbraio 2014 ALLE ORE 17:48