Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE – “Se a Mondragone ci sono i rifiuti, è colpa dei mondragonesi incivili”: Schiappa accusa i suoi concittadini e scappa dal consiglio per non avere repliche


      I 7 consiglieri di opposizione alzano la voce in Assise. PIU’ TARDI ALTRI AGGIORNAMENTI di Walter De Rosa e Max Ive   MONDRAGONE – In questi minuti (sono le 22.03 mentre scriviamo) si sta svolgendo il Consiglio comunale di Mondragone sulla questione ambientale. All’ordine del giorno infatti i 7 consiglieri comunali, Piazza, Conte, Pagliaro, Mascolo, […]

    Nella foto, una fase del consiglio comunale di Mondragone

     

    I 7 consiglieri di opposizione alzano la voce in Assise. PIU’ TARDI ALTRI AGGIORNAMENTI

    di Walter De Rosa e Max Ive

     

    MONDRAGONE – In questi minuti (sono le 22.03 mentre scriviamo) si sta svolgendo il Consiglio comunale di Mondragone sulla questione ambientale. All’ordine del giorno infatti i 7 consiglieri comunali, Piazza, Conte, Pagliaro, Mascolo, Napolitano, Beatrice e De Prete avevano chiesto, ad inizio mese, che si discutesse della vicenda Cantarella (la discarica oggetto della trasmissione tv di Striscia La Notiza e del sopralluogo dei tecnici della Regione Campania) nonchè dell’emergenza ambientale a Mondragone connessa anche alla gestione del ciclo integrato dei rifiuti.

    Come ricorderanno i lettori di Casertace, la questione Cantarella e discariche affini si è intrecciata cronisticamente e temporalmente con la storia dei netturbini che rischiavano il posto di lavoro e con le accuse piovute sulla gestione del servizio della raccolta della monnezza offerto dalla Tekra.

    Sempre nello stesso consesso dovevano essere discussi anche le questioni degli allagamenti e dei patrocini economici concessi a raffica dall’amministrazione comunale. Dopo un acceso e aspro scontro verbale tra i consiglieri di minoranza con i componenti dell’esecutivo e della maggioranza, l’opposizione, timorosa dell’ipotesi di rinvio strategico degli argomenti caldi della serata: Cantarella/Tekra che poteva realizzarsi con uno stratagemma della maggioranza, ha deciso di ritirare dalla discussione le interrogazioni sugli allagamenti e sui patrocini economici.

    Staremo a vedere.

     

    AGGIORNAMENTO

    di

    Walter De Rosa

    MONDRAGONE-  L’ unica proposta concreta non l’hanno neppure votata. Una “task force” per monitorare il problema rifiuti (divenuto il solo punto all’ordine del giorno dopo il ritiro da parte dell’opposizione delle interrogazioni su patrocini e fognature )  sul territorio, indicata come soluzione dal consigliere Luigi Mascolo, non è stata messa nemmeno a votazione dall’amministrazione (forse perchè probabilmente sarebbe passata vista l’apertura che aveva mostrato il pidiellino Verrengia a “trattare” con le minoranze per il bene della popolazione).

    Dopo la lunga disquisizione finale del Sindaco Schiappa in cui quest’ultimo ha attaccato i cittadini “incivili” perchè irrispettosi dell’ambiente, considerandoli una causa dell’ “emergenza rifiuti”, il presidente del consiglio Marquez ha sciolto la seduta. Invano,  i consiglieri Napolitano e Beatrice tentavano di rispondere alle affermazioni di Schiappa il quale, preso dalla fretta di scappare “a casa” con la convinzione tutta personale di avere ottenuto un successo politico raggiunto grazie al suo discorso, non ha sollecitato il direttore dei lavori consiliari a rispettare il diritto di replica dando la parola a chi l’aveva chiesta per controbattere.

    La minoranza è andata su tutte le furie, dopo l’indifferenza al confronto dimostrata dalla maggioranza.  L’atmosfera era già comunque tesissima. Nel corso dell’Assise, Napolitano stesso si era già fatto sentire a gran voce, quando ha dovuto costatare che sarebbe stato il capo-ripartizione De Lisa a relazionare sull’argomento “immondizia”: “L’amministrazione si nasconde dietro il tecnicismo dell’ufficio. L’ingegnere De Lisa, nonostante sia un eccellente professionista, non era adatto a risponderci. Noi dobbiamo sentire le risposte della politica, del Sindaco e dell’Assessore, non quelle dei tecnici. Ancora una volta, l’ennesima purtroppo, le minoranze vengono ignorate e offese”.

    Nella relazione di De Lisa, sono emersi elementi interessanti. L’ingegnere comunale ha ricordato ,tra l’altro, che una caratterizzazione dei rifiuti sulla discarica Cantarella risale al 2009. Tuttavia, le minoranze non sono state contente: volevano sentire soltanto le voci della politica, diretta interessata.

    Dalla riunione di ieri, tanto si è discusso ma a niente si è arrivato. La vera vittima delle infinite indecisioni della politica è ancora una volta la popolazione.

     

    PUBBLICATO IL: 24 ottobre 2013 ALLE ORE 22:21