Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Domani, sabato, Fecondo presenta la lista “Democratici per Marcianise”


    COMUNICATO STAMPA – L’incontro si terrà in via Santa Caterina alle ore 11.30 MARCIANISE – COMUNICATO STAMPA - Sabato 11 maggio 2013 alle ore 11.30 presso la sede di via Santa Caterina n.4 a Marcianise si terrà la presentazione della lista Democratici per Marcianise che sostiene la candidatura a sindaco di Filippo Fecondo. A presentarla […]

    Nella foto, Filippo Fecondo

    COMUNICATO STAMPA – L’incontro si terrà in via Santa Caterina alle ore 11.30

    MARCIANISE – COMUNICATO STAMPA - Sabato 11 maggio 2013 alle ore 11.30 presso la sede di via Santa Caterina n.4 a Marcianise si terrà la presentazione della lista Democratici per Marcianise che sostiene la candidatura a sindaco di Filippo Fecondo. A presentarla sarà Felice Colella in qualità di presidente dell’associazione Arzente che ha ispirato la nascita della lista di centrosinistra. A comporre la lista ci sono professionisti, medici, ambientalisti, semplici cittadini che hanno deciso di mettere a disposizione della cittadinanza la propria esperienza maturata nell’ambito della loro sfera lavorativa, ma anche nelle istituzioni e nell’associazionismo, per proporre idee, soluzioni e progetti di sviluppo sostenibile oltre che culturale e civico cittadino. Alla riunione interverrà anche il candidato sindaco Filippo Fecondo.

    Una vera e propria bonifica ambientale – spiegano i Democratici per Marcianise – potrà esserci solamente quando i marcianisani si riapproprieranno della loro terra. Su questo concetto si basa l’idea dei Democratici per Marcianise. Fino a quando i nostri fertilissimi terreni resteranno abbandonati a se stessi, saranno sempre meta di criminali e gente senza scrupolo per sversarvi rifiuti anche pericolosi. La proposta è quella di mettere a disposizione dei giovani imprenditori che vogliono investire nel lavoro agricolo, le competenze necessarie al fine di ripopolare la nostra vasta zona agricola. Per far ciò bisognerà procedere al monitoraggio ambientale dei potenziali terreni e controllare la genuinità degli stessi assieme alla qualità della falda acquifera. Bisognerà quindi procedere alla eventuale bonifica dei terreni inquinati e poi, con l’ausilio dell’Università di Agraria, mettere in piedi un progetto di riorganizzazione dei terreni dividendoli, a secondo dei casi, in area a coltura “food” e area “no food” in base alla tipologia di produzione agricola ed alle caratteristiche degli stessi. Un ripristino della destinazione agricola delle terre marcianisane avrebbe il duplice effetto di salvaguardare la risorsa naturale “vera” della città e nel contempo creare occasioni di lavoro per i giovani.

    Terreni di proprietà del comune potranno essere messi a disposizione di cittadini e/o gruppi di cooperative agricole, che perseguiranno produzioni specifiche,  magari vendendo anche sul posto le loro derrate, i cosiddetti prodotti a “ KM zero”. Risulta evidente che tutto ciò non può accadere dalla sera alla mattina, ma attraverso specifici corsi di formazione che abiliteranno la nuova classe di lavoratori/imprenditori. Consapevoli che la logica del posto fisso è qualcosa che non riesce a garantire l’assorbimento “in toto” della disoccupazione, i giovani devono affidarsi alla loro creatività puntando sulla tradizionale vocazione naturale locale.

    Marcianise 10 Maggio  2013

    PUBBLICATO IL: 10 maggio 2013 ALLE ORE 14:45