Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    S.MARIA C.V, Salvatore e Ferdinando Troiano: dalle biciclettate assistite dal negozio alle piece teatrali al Garibaldi gratuite, ma con tanto di biglietto


    I dimuriani di ferro, zio e nipote, hanno un’attività estiva ed un’altra invernale S.MARIA C.V - Quando si dice la versatilità: la famiglia Troiano spazia dal ciclismo al cicloturismo, dalla bicicletta “verde” fino ad arrivare al teatro, non disdegnando l’impegno politico. Quello che ha impegnato Salvatore Troiano, candidato alle elezioni comunali del maggio 2011 in […]

    I dimuriani di ferro, zio e nipote, hanno un’attività estiva ed un’altra invernale

    S.MARIA C.V - Quando si dice la versatilità: la famiglia Troiano spazia dal ciclismo al cicloturismo, dalla bicicletta “verde” fino ad arrivare al teatro, non disdegnando l’impegno politico. Quello che ha impegnato Salvatore Troiano, candidato alle elezioni comunali del maggio 2011 in una delle diverse liste civiche apparecchiate per Biagio Di Muro.

    Dopo quell’esperienza, soprattutto grazie agli impeti ambientalisti di Ferdinando Troiano, nipote di Salvatore, lo storico negozio che vende biciclette si è messo ad organizzare, manco a dirlo, le biciclettate che dovrebbero essere una libera espressione dell’amore per l’aria pulita e per la sana attività fisica e che sarebbe di buon gusto, dunque, che non fossero organizzate da venditore di biciclette.

    In inverno, quando il velocipede non è molto utilizzato, sopperisce a sfamare la fregola organizzativa di Ferdinando Troiano la manifestazione dell’arte della recitazione. Una compagnia teatrale che, solitamente, come è successo anche nelle scorse settimane, si è esibita sul palcoscenico prestigioso del teatro Garibaldi.

    Compagnia amatoriale. E per questo motivo il comune ha messo a disposizione gratuitamente il teatro per il cui utilizzo si paga, solitamente, un canone di affitto vicino ai 2 mila euro a rappresentazione.

    Ma se è un’attività amatoriale meritevole di un patrocinio non solo morale, ma anche pesantemente materiale da parte del comune, che mette gratuitamente a disposizione un patrimonio di tutta la città, allora perché Ferdinando Troiano e i suoi collaboratori si sono messi a staccare biglietti, incassando soldi per la rappresentazione teatrale?

    Domanda lecita in qualsiasi altro posto d’Italia. Inutile, al contrario, a S.Maria C.V. dove tutto è consentito. Questo ed altro ancora.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 8 gennaio 2014 ALLE ORE 21:04