Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA – PD, mettetevi comodi nel pomeriggio: vi trasmettiamo un’altra puntata della sit-com più divertente del Mondo


      QUI SOTTO DUE SPASSOSISSIMI VIDEO, postati sulla pagina facebook di Dario Abbate, in cui lo stesso arringa dal balcone di via Maielli i giovani della Movida, ieri sera. Tornando alla cronaca, oggi pomeriggio ennesima riunione della commissione provinciale, ma stavolta dovrebbe essere presente uno di quella regionale, che, di fatto potrebbe commissariare il congresso, […]

    Nelle foto, da sinistra, Pina Picierno, Carlo Marino e Nicola Caputo

     

    QUI SOTTO DUE SPASSOSISSIMI VIDEO, postati sulla pagina facebook di Dario Abbate, in cui lo stesso arringa dal balcone di via Maielli i giovani della Movida, ieri sera. Tornando alla cronaca, oggi pomeriggio ennesima riunione della commissione provinciale, ma stavolta dovrebbe essere presente uno di quella regionale, che, di fatto potrebbe commissariare il congresso, costringendo Caputo, Picierno e Marino ad accettare la data del 3 novembre. 

    CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO (OCCORRE ESSERE COLLEGATI A FACEBOOK)

    CLICCA QUI PER VEDERE IL SECONDO VIDEO (OCCORRE ESSERE COLLEGATI A FACEBOOK)

    CASERTA - In una giornata festiva dedicata al relax cosa ci puo’ essere di meglio che leggere qualche articolo di Casertace sulle vicende tragicomiche del Pd locale.
    Dalle prime ore del pomeriggio vi narreremo l’esito dell’ennesima riunione della commissione provinciale per il congresso, alla quale, però, a 36 ore dal voto di domenica prossima dovrebbe partecipare anche un delegato della commissione regionale, per ribadire forte e chiaro che domenica e, al massimo, fino a lunedì 4 si dovrà votare nei 104 comuni di Terra di Lavoro per l’elezione del segretario provinciale e dell’assemblea.

    D’Altronde, solo un commissariamento di fatto, da parte di un garante regionale, può fare uscire il Pd dalla palude, in cui l’ha precipitato la premeditata manovra ostruzionistica e dilatoria del gruppo Picierno-Caputo-Marino, i quali, ancora oggi, nonostante il deliberato della commissione regionale, ispirato da quella nazionale, continuano a tentare di bucare il pallone e, in qualche modo, di bloccare il voto di domenica.
    Fino ad ora ci sono riusciti, approfittando dei numeri favorevoli della commissione provinciale costituita nel momento in cui Cappello, Caputo, la Picierno e Carlo Marino stavano tutti dalla stessa parte.
    Naturalmente, la commissione provinciale articola il suo ostruzionismo ponendo un sacco di paletti, agitando difficoltà artificiose, che ad oggi, non hanno ancora consentito di costituire i seggi nei vari comuni, nonostante che Raffaele Vitale, candidato alla segreteria provinciale dal cartello Abbate-Graziano-Capacchione, a cui si è accodato anche Enzo Cappello abbia già presentato un elenco con 170 nomi da cui la commissione provinciale può scegliere quelli da utilizzare come presidenti di seggio, garanti e scrutatori.
    Riassumendo il discorso: o il partito nazionale e regionale si impone e richiama la commissione provinciale al dovere di rispettare il deliberato che ha determinato le date del congresso, oppure il congresso non si farà neppure domenica.
    Chiara l’intenzione di Piecierno, Caputo e Marino di arrivare alla data fatidica dell’8 dicembre, quando, con la presumibile vittoria di Matteo Renzi, il neo segretario nazionale, che evidentemente, non conosce la storia politica dei suoi tre sostenitori in loco, potrebbe dare loro manforte per conquistare il partito e il controllo delle future candidature elettorali.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 1 novembre 2013 ALLE ORE 12:58