Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PDL, la Petrenga tiene il punto, partito frammentato. Ma comandano quelli che alle elezioni hanno fatto votare altri


      Era largamente prevedibile il nulla di fatto nella riunione di stamattina. E’ evidente che se il coordinatore regionale Nitto Palma non dà concreto seguito agli indirizzi enunciati nella riunione dell’Hotel Mediterraneo, il Pdl casertano sarà un “menage à trois” tra Romano, Polverino e Giuliano, con D’Anna a fare la “barca della Maddalena”.   CASERTA […]

    Nelle foto, da sinistra, Giovanna Petrenga, Angelo Polverino, Enzo D’Anna e Paolo Romano

     

    Era largamente prevedibile il nulla di fatto nella riunione di stamattina. E’ evidente che se il coordinatore regionale Nitto Palma non dà concreto seguito agli indirizzi enunciati nella riunione dell’Hotel Mediterraneo, il Pdl casertano sarà un “menage à trois” tra Romano, Polverino e Giuliano, con D’Anna a fare la “barca della Maddalena”.

     

    CASERTA – E’ un dato di fatto che molti degli esponenti dell’attuale classe dirigente del Pdl casertano, coloro i quali non sono stati candidati alle elezioni, abbiano profuso, al meglio, uno scarso impegno durante la campagna elettorale, al peggio, addirittura, ritenendo che Silvio Berlusconi fosse  stracotto, hanno addirittura fatto votare per altri partiti.

    I risultati della città di Caserta, le candidature e i movimenti di molti dei rappresentanti territoriali di corrente ci raccontano di un Polverino, sostanzialmente immobile e di un Paolo Romano, che, addirittura ha consentito o indicato ad uomini di sua stretta osservanza di non votare il Pdl.

    Ed è pure un dato di fatto che questa classe dirigente, a poco più di un mese dalle elezioni politiche, ha il pieno controllo del partito che non ha appoggiato. Ed è, ulteriormente un dato di fatto che questo avviene perchè al momento, il coordinatore regionale Nitto Palma non è riuscito a dare concretezza alla linea politica che aveva indicato nella riunione dell’Hotel Mediterraneo di Napoli, quando disse forte e chiaro che voleva un partito gestito in maniera collegiale dai coordinatori e dai parlamentari e che, soprattutto, pretendeva che il partito fosse rinnovato, con facce e figure giovani e spendibili a partire dai coordinamenti cittadini e comunali.

    Questo rinnovamento non è avvenuto. Basta guardare i nomi che compaiono nell’elenco dei coordinatori, concordati e decisi da Romano, Polverino e Giuliano.

    Sui casi clamorosi di Grazzanise e anche in parte di Castel Volturno, ci siamo già soffermati a lungo, ma è tutto l’impianto dei coordinatori che ci conduce a ritenere che questi siano stati nominati solo ed esclusivamente per affermare il controllo totale del partito sui territori da parte di chi il Pdl non ha certo appoggiato alle ultime elezioni politiche.

    Con queste premesse, fondate su dati di fatto, difficilmente controvertibili, era finanche troppo scontato che la riunione, svoltasi stamattina tra i coordinatori, i parlamentari e Paolo Romano (stavolta la Nugnes non è andata) si risolvesse in un nulla di fatto. Si è parlato molto della lettera, firmata dai tre parlamentari e inviata a Giuliano e Nitto Palma per chiedere più collegialità. Una lunga discussione sul nulla, a dimostrazione che la triade che governa il partito oggi, le sue decisioni le prende in intimità e in separata sede.

    Non sono stati sciolti, dunque, i nodi importanti, a partire da quello del nuovo coordinatore cittadino di Capua, proseguendo con quelli, dei già citati, coordinatori di Castel Volturno e Grazzanise.

    Chiaramente, tutto paralizzato per le altre nomine,  in attesa di una non meglio precisata istruttoria in cui si dovrebbero ascoltare le proposte di tutti. La realtà è che la Petrenga è l’unica a mantenere il punto, Carlo Sarro è timido al limite dell’impalpabile, Enzo D’Anna, come già scritto più volte in questi giorni, fa “a varca e a Maddalena“, insomma, quelli che a Nicola Cosentino devono tutto, ma proprio tutto, dimostrano di essere già ampiamente frammentati.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 8 aprile 2013 ALLE ORE 17:58