Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PD, Abbate riconosciuto segretario dal partito nazionale, chiede subito un’assemblea


      E’ stato chiamato a Roma a rappresentare il Pd di Caserta, proprio perchè l’assemblea non ha mai ratificato le sue dimissioni. Ora, però, il pallino è nelle mani del presidente Arcangelo Correra, che essendo uomo di Nicola Caputo, non è detto che assecondi immediatamente la richiesta di Abbate.     CASERTA – La convocazione […]

    Nelle foto, da sinistra, Dario Abbate e Arcangelo Correra

     

    E’ stato chiamato a Roma a rappresentare il Pd di Caserta, proprio perchè l’assemblea non ha mai ratificato le sue dimissioni. Ora, però, il pallino è nelle mani del presidente Arcangelo Correra, che essendo uomo di Nicola Caputo, non è detto che assecondi immediatamente la richiesta di Abbate.

     

     

    CASERTA – La convocazione a Roma di Dario Abbate, oltre che sorprendente, ha avuto il pregio di fare un po’ di chiarezza nel guazzabuglio politico, ma anche normativo che regna in questo momento nel Pd casertano. Cerchiamo di spiegare con semplicità cosa è capitato: il partito nazionale considera Dario Abbate, a tutti gli effetti, il segretario provinciale del Pd di Caserta. Gli organismi nazionali ben conoscono la circostanza delle sue dimissioni, presentate nei giorni precedenti alle Primarie di fine dicembre, ma allo stesso tempo lo considerano ancora in carica, dato che, queste dimissioni non hanno ancora ricevuto la ratifica dell’assemblea.

    E siccome questo non è un atto facoltativo, ma cogente nelle previsioni del regolamento del partito, Abbate è stato chiamato a Roma a rappresentare il Pd di Caserta.

    La conseguenza di questo è che, oggi la convocazione dell’Assemblea del partito, formata da circa 330 membri, dopo le dimissioni e l’uscita dal Pd del gruppo di Zannini da Mondragone, va immediatamente convocata. E D’altronde, lo stesso segretario regionale Amendola aveva dichiarato all’indomani delle dimissioni di Abbate che l’assemblea andava convocata entro e non oltre gennaio.

    Poi, si sa, Amendola come ben conoscono i nostri lettori, avendolo letto dalle nostre molteplici biografie, è quello che è. Dunque, a gennaio non si è svolta alcuna assemblea ed è passata, per pura inerzia, la linea che il vicesegretario Ludovico Feole fosse un reggente sine die, cioé senza un termine stabilito.

    A questo punto Abbate ha intenzione di scrivere una lettera al presidente dell’assemblea Arcangelo Correra, affinché questi proceda alla convocazione della stessa per la ratifica delle dimissioni del segretario provinciale. Ma siccome da quell’assemblea potrebbe venir fuori di tutto, non è detto che Correra assecondi immediatamente Abbate, in considerazione del fatto che l’esponente maddalonese del Pd fa parte della corrente del consigliere regionale Nicola Caputo, che al momento, ha una posizione antitetica rispetto a quella del segretario dimissionario e di molta parte degli esponenti di maggior spicco del Pd casertano.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 29 aprile 2013 ALLE ORE 12:43