Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    PARLAMENTARIE PD, IL CASO GRAZIANO / Delusi i circoli di MONDRAGONE E CASTEL VOLTURNO. Eliminato il parlamentare che si batteva per le cave e le discariche


    Con ogni probabilità, adesso, le sezioni del litorale tenteranno di sostenere Lucia Esposito.  CASTEL VOLTURNO / MONDRAGONE - I “compagni” di Castel Volturno e di Mondragone non lo dicono, non lo scrivono, ma mediante un comunicato stampa, a firma di Aristide Papa e Giuseppe Scialla,  che pubblichiamo in calce a questo articolo, fanno comprendere che […]

    Nelle foto, da sinistra, Aristide Papa, Stefano Graziano, Lucia Esposito e Stefano Graziano

    Con ogni probabilità, adesso, le sezioni del litorale tenteranno di sostenere Lucia Esposito. 

    CASTEL VOLTURNO / MONDRAGONE - I “compagni” di Castel Volturno e di Mondragone non lo dicono, non lo scrivono, ma mediante un comunicato stampa, a firma di Aristide Papa e Giuseppe Scialla,  che pubblichiamo in calce a questo articolo, fanno comprendere che il caso di S. Arpino ha escluso dalla competizione elettorale, chi realmente era sceso in campo con i circoli di entrambi i territori per affrontare il caso della discarica Sogeri-Bortolotto, nonchè le questioni ambientali, quali lo sversamento illecito dei rifiuti.

    Una delusione amara che non è rigettata o riversata nei confronti degli altri candidati del Pd alle Primarie. Certamente, ancora una volta e questo lo scriviamo noi, il litorale rischia di non essere rappresentato equamente. Per fortuna però che in pole position vi sarà Lucia Esposito che in entrambe le città ha ottenuto buoni consensi.

    Il litorale domizio è visto dai casertani come un bubbone e in loco si spera che una volta terminata la campagna elettorale, qualcuno si ricordi delle cave laghetti, dei Regi Lagni, dei rifiuti della camorra, e che esistono sia Mondragone, sia Castel Volturno.

    Massimiliano Ive

    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DEI CIRCOLI DI MONDRAGONE E CASTEL VOLTURNO

    Le primarie per la scelta dei candidati al Parlamento svoltesi in provincia di Caserta  si sono concluse con la nota vicenda del seggio di Sant’Arpino che ha, almeno in parte, alterato il quadro dei risultati. In particolare, ad uscirne inesorabilmente danneggiata è la posizione di Stefano Graziano, parlamentare uscente, che vede precludersi ogni concreta possibilità di rielezione a causa della mancata attribuzione delle preferenze provenienti dal bacino elettorale di Sant’Arpino. Questi sono gli effetti delle decisioni della Commissione di Garanzia a cui, disciplinatamente, l’On. Graziano si è attenuto.

    Su questa vicenda, però, riteniamo di dover dire la nostra. E’ notorio che Stefano Graziano nei nostri seggi ha ricevuto la stragrande maggioranza delle preferenze espresse per il candidato di genere maschile. Ciò è avvenuto, senza nulla togliere agli altri candidati dello stesso genere, a seguito di una riflessione comune dei circoli del litorale che parte da molto lontano e che coinvolge direttamente le logiche e i meccanismi di rappresentanza democratica dei territori. Come circoli locali del Partito Democratico, abbiamo sempre sostenuto che l’azione politica dei nostri rappresentanti, man mano che si sale nella scala territoriale fino ad arrivare al Parlamento romano, non possa prescindere dalle istanze e dalle legittime prospettive e vocazioni dei territori. Chi ci rappresenta deve farsene carico inserendole, ovviamente, in uno scenario ed in un contesto di tutele più ampio per evitare quegli odiosi e dannosi particolarismi territoriali  in cui i “leghismi” trovano gran parte del proprio brodo di coltura.

    Nell’onorevole Stefano Graziano abbiamo sempre trovato un interlocutore attento e disponibile ad ascoltarci e a farsi promotore di iniziative a tutela dei nostri territori. In qualità di componente della COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITA’ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI, oltre ad una serie di sopralluoghi effettuati sui siti contaminati, ha presentato anche interrogazioni al Governo sulle discariche presenti nei nostri comuni (Cantarella per Mondragone e So.Ge.Ri. per Castel Volturno). Durante la  fase elettorale del 2012 per il rinnovo dei consigli comunali, è stato numerose volte presente nei nostri circoli per avere notizie su come procedeva la campagna elettorale o per darci spunti di iniziativa politica da mettere in campo. Anche in questo frangente, ci ha rivolto costantemente l’invito a tener lontani dalle liste personaggi che non fossero integerrimi sul piano morale o che, comunque, facessero nascere qualche dubbio di troppo sulla propria condotta.

    La nostra scelta, dunque, è stata orientata nei confronti di Stefano Graziano proprio in virtù di una garanzia di interlocuzione politica, di rappresentanza dei nostri territori e di valori condivisi. Oppure, semplicemente per coerenza.


    Litorale Domitio, 5 gennaio 2013


    Il segretario del Circolo del Partito Democratico di Castel Volturno,

    Giuseppe Scialla


    Il segretario del Circolo del Partito Democratico di Mondragone,

    Aristide Papa

    PUBBLICATO IL: 5 gennaio 2013 ALLE ORE 15:22