Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ORE 22.45 – ESCLUSIVA CASERTA, Del Gaudio dà il benservito alla Ucciero che gliene canta 4. Polverino cuor di leone, non si presenta


      Riunione tempestosa, stasera, giovedì, nella sede del Pdl. All’ordine del giorno il rimpasto. Si farà, anche a costo di revocare l’assessora recalcitrante e anche Mariano. Nel pomeriggio il primo cittadino ha discusso animatamente anche con il capogruppo Udc Pier Paolo Puoti CASERTA – Una sola persona non sarebbe mai dovuta mancare stasera, giovedì, alla riunione […]

    Nelle foto, da sinistra, Teresa Ucciero, Angelo Polverino e Stefano Mariano

     

    Riunione tempestosa, stasera, giovedì, nella sede del Pdl. All’ordine del giorno il rimpasto. Si farà, anche a costo di revocare l’assessora recalcitrante e anche Mariano. Nel pomeriggio il primo cittadino ha discusso animatamente anche con il capogruppo Udc Pier Paolo Puoti

    CASERTA – Una sola persona non sarebbe mai dovuta mancare stasera, giovedì, alla riunione del Pdl convocata per discutere del rimpasto della giunta comunale di Caserta. Questa persona si chiama Angelo Polverino, padre politico e artefice massimo di questa amministrazione comunale, dei suoi assetti e anche della sua scarsa consistenza istituzionale.

    Doveva essere Polverino a spiegare alla Ucciero i motivi per cui si sarebbe dovuta dimettere per favorire l’ingresso in giunta di consiglieri comunali che hanno l’appoggio di altri consiglieri e che dunque servono a questa maggioranza per sopravvivere. Ed invece, proprio Polverino non si è visto. Qualcuno ha tentato di giustificarlo dicendo che era impegnato in consiglio regionale. Ma quando nella sala è arrivato, però, Paolo Romano, che del Consiglio regionale è il presidente, allora è diventata ufficiale la rinuncia di Polverino di assumersi la responsabilità politica del rimpasto.

    Il povero sindaco Del Gaudio è rimasto solo a buscarsi gli improperi della Ucciero che ha dichiarato di non ha alcuna intenzione di dimettersi, ma aspetta che il sindaco la revochi.

    La Petrenga ha tentato di placare i bollenti spiriti dell’assessora in uscita. Si tenterà di collocarla da qualche parte, ma l’operazione è tutt’altro che certa.

    Dell’altro assessorato non si è parlato, ma se ne era parlato nel pomeriggio quando Mariano aveva detto chiaro e tondo al sindaco Del Gaudio che essendo diventato lui esponente del partito di Fratelli d’Italia, con due consiglieri in suo sostegno, non aveva più intenzione di assecondare la direttiva datagli dal primo cittadino, invitato da Mariano a telefonare a Marcello Taglialatela, leader regionale proprio di Fratelli D’Italia.

    La telefonata ci sarebbe stata e si sarebbe consumata su toni molto accesi. Ma il pomeriggio complicato del primo cittadino non è finito qui, perchè poco dopo ha ingaggiato una discussione piuttosto animata con il capogruppo dell’Udc Pier Paolo Puoti.

    Del Gaudio vorrebbe ridare al partito di Zinzi la delega ai Servizi Sociali, il partito di Zinzi non la vuole più, dato che con la costituzione dell’agenzia, lì comanderanno solo Gambardella ed Enzo Ferraro.

    Comunque, si dovrebbe procedere. Se non saranno dimissioni, saranno revoche. Quella della Ucciero sarà politicamente indolore, quella di Mariano non dovrebbe destare grandi preoccupazioni, dato che Piscitelli e Bologna possono fare anche un po’ di Casino, ma certo non passeranno all’opposizione.

    Alla riunione di stasera era presente anche Enzo D’Anna, il quale ha prodotto un discorso politico, badando bene a non sbracarsi più nella difesa ad oltranza della Ucciero.

    Domani è un altro giorno.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 13 giugno 2013 ALLE ORE 22:52