Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE / Il Consuntivo arriva in Consiglio. Il sacrificio politico di Nazzaro, Gravano e Marquez per salvare la maggioranza


        Giovanni Papa e Gianluca Palmieri sarebbero le due proposte politiche dei consiglieri ribelli per riequilibrare l’esecutivo di centro destra, consentendo l’ingresso nella stanza dei bottoni dei socialisti e di Intesa per Mondragone     MONDRAGONE – Lunedì 6 maggio alle ore 20 i consiglieri comunale di Mondragone torneranno nell’aula consiliare per discutere del Consuntivo. […]

    Nelle foto, da sinistra, Luigi Mascolo, Agostino Napolitano e la giunta Schiappa

     

     

    Giovanni Papa e Gianluca Palmieri sarebbero le due proposte politiche dei consiglieri ribelli per riequilibrare l’esecutivo di centro destra, consentendo l’ingresso nella stanza dei bottoni dei socialisti e di Intesa per Mondragone

     

     

    MONDRAGONE – Lunedì 6 maggio alle ore 20 i consiglieri comunale di Mondragone torneranno nell’aula consiliare per discutere del Consuntivo. Come è stato confermato dal presidente del Consiglio comunale, Pasquale Marquez, l’Assise è chiamata a confrontarsi sul documento contabile, anche perchè, proprio oggi, martedì 30 aprile scadevano i termini per la convocazione.

    Schiappa riuscirà ad ottenere il voto favorevole sul Consuntivo, che tra le altre cose è il documento contabile che riassume e sintetizza l’attività politica, svolta  dall’amministrazione comunale nel 2012? Si è riusciti a trovare un punto di equilibrio tra le richieste di azzeramento della giunta avanzate dai consiglieri Mascolo e Napolitano,  quelle di verifica della gestione amministrativa proposta da Piazza e le resistenze del fronte dei fedelissimi al sindaco?

    Ebbene, il quadro politico non è ancora molto chiaro, anche se si ipotizza il fatto che nelle ultime settimane il sindaco Schiappa, per tutelare i suoi uomini in giunta ed in consiglio, da un lato sta trattando una soluzione politica per difendere le posizioni nell’esecutivo dell’assessore Francesco Nazzaro e dei colleghi, Francesca Gravano e Pellegrino, dall’altro, mediante il suo diretto riferimento politico, il coordinatore cittadino Pdl Ermanno Miraglia, sta cercando di ammonire i ribelli, al fine di spaventarli con minacce galvanizzate o da un ritorno anticipato alle urne o da una plateale espulsione dei dissidenti dalla maggioranza stessa.

    Lo scenario è atipico, ma non critico. Forse il sindaco riuscirà a far passare il Consuntivo, ma in cambio, alla fine, il rimpasto in giunta sarà accettato, sempre che il primo cittadino sia intenzionato a non perdere la poltrona.

    In queste ore avanza l’ipotesi di una possibile surroga: o dei due assessori Francesco Nazzaro e Francesca Gravano, per favorire l’ingresso in giunta di Giovanni Papa ex referente della categoria dei commercianti proposto dal consigliere Agostino Napolitano; e di Gianluca Palmieri proposto da Luigi Mascolo e, a sua volta parente dell’ex presidente del Consiglio comunale, Severo Stefanelli.

    Nazzaro a questo punto, come già scrivemmo a suo tempo tornerebbe a svolgere il ruolo di consigliere particolare del sindaco e libererebbe un posto per salvare la fascia tricolore dalla crisi politica.

    La Gravano invece, nonostante l’estenuante difesa ad oltranza del primo cittadino risulterebbe essere la seconda vittima politica di questa crisi, vista la posizione critica assunta già nel primo consiglio comunale, della nuova legislatura mondragonese, dal socialista Napolitano.

    Ma c’è chi, invece, sostiene che forse alla fine proprio quest’ultima assessora si salverà, in quanto il referente di Grimaldi sul territorio ai piedi del Petrino, avrebbe messo gli occhi sulla poltrona del presidente del Consiglio Pasquale Marquez. La questione Marquez, come ricordano i lettori di Casertace fu portata in Assise proprio grazie alla firma aggiunta di Napolitano a quelle dei consiglieri di minoranza e più volte lo stesso esponente socialista ha denunciato le ambiguità politiche della seconda carica istituzionale del comune rivierasco nello svolgere le sue funzioni.

    A questo punto però dobbiamo fermarci qui. Non abbiamo la sfera di cristallo e per saperne di più dobbiamo aspettare che il Consiglio si riunisca.

    Massimiliano Ive

     

    PUBBLICATO IL: 30 aprile 2013 ALLE ORE 15:40