Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MONDRAGONE / Guerra totale, gli amici di Landolfi a Schiappa: ora vuoi fare fuori la Nugnes


      IN CALCE ALL’ARTICOLO IL MANIFESTO DEI LANDOLFIANI – Al di là dei volantini e dei manifesti, ora, bisogna comprendere se per arrestare il piano di killeraggio del primo cittadino nei confronti dei fedelissimi dell’ex parlamentare , il delfino di Conte può essere mandato a casa con il sostegno di Gallo, degli Zannini, di Camillo […]

    Nelle foto, da sinistra, Giuseppe Piazza, Giovanni Schiappa e Mario Landolfi

     

    IN CALCE ALL’ARTICOLO IL MANIFESTO DEI LANDOLFIANI – Al di là dei volantini e dei manifesti, ora, bisogna comprendere se per arrestare il piano di killeraggio del primo cittadino nei confronti dei fedelissimi dell’ex parlamentare , il delfino di Conte può essere mandato a casa con il sostegno di Gallo, degli Zannini, di Camillo Federico, del socialista Agostino Napolitano e del silenzioso Mascolo.

     

     

    MONDRAGONE – Se ieri, mercoledì ha fatto discutere la precisazione della consigliera regionale mondragonese Daniela Nugnes, formulata durante la convention dell’Ariston con Alessandra Mussolini, nella quale la fedelissima di Mario Landolfi ha salutato anche “gli assenti perchè non invitati“, oggi si è compreso il perchè di quelle esternazioni.

    Nella cittadina ai piedi del Petrino stamattina, è stato distribuito un volantino con tanto di marchio del Pdl e siglato dagli iscritti al circolo dei berlusconiani contrari al commissario Ermanno Miraglia(quindi la fazione anti Schiappa e anti Nitto Palma) con il quale è stato chiesto al sindaco del Pdl: “Schiappa, giù la maschera”.

    Nelle foto, da sinistra, Daniela Nugnes e Mario Landolfi

    Al di là della vicenda della destituzione del coordinatore Giuseppe Piazza e dello “scisma” tra Mario Landolfi e il primo cittadino, ora si paventa un’altra accusa che pesa sulla gestione politica del partito locale da parte del fronte Conte Schiappa: il killeraggio alle prossime elezioni regionali della consigliera Nugnes.

    In effetti, i landolfiani temono, a questo punto, dopo i casi della mancata ricandidatura dello stesso Mario Landolfi alla Camera dei Deputati e della destituzione di Giuseppe Piazza, anche la fine della carriera politica dell’ex candidata a sindaco di Mondragone.

    Altro che ostracismo greco…! Di fronte a questo manifesto, ora bisogna capire se Landolfi, la Nugnes e Piazza intendono realmente mandare a casa l’amministrazione comunale, sfiduciando, con l’ausilio dei propri uomini e degli alleati in consiglio, il sindaco Schiappa o se , invece, intendono solo contestare apertamente la faida politica messa in cantiere dal coordinatore regionale del Pdl, Nitto Palma.

    Al di là dello scontro e dei manifesti, Landolfi ha o non ha la forza di dare una spallata  al primo cittadino per neutralizzare gli avversari, magari chiedendo il sostegno degli Zannini, dei centristi, del socialista Agostino Napolitano, e dei consiglieri Gallo e Mascolo?

    Questo lo scopriremo a breve.

    Massimiliano Ive

    PUBBLICATO IL: 21 febbraio 2013 ALLE ORE 18:42