Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE Pier Luigi Salzillo lo dice, ma forse non lo pensa: “Non esistono due posizioni nel centro destra su De Angelis” e attacca anche il vicesindaco Accinni


    Il più votato del Pdl dovrà rassegnarsi. Noi non conosciamo le altre interpretazione giornalistiche, ma quello che diciamo noi è la realtà dei fatti con cui Salzillo politicamente dovrà fare i conti a partire da settembre. Sulla questione del numero 2 di De Angelis anche Casertace ritiene che un vicesindaco non debba essere una persona […]

    Nella foto Salzillo e la giunta De Angelis

    Il più votato del Pdl dovrà rassegnarsi. Noi non conosciamo le altre interpretazione giornalistiche, ma quello che diciamo noi è la realtà dei fatti con cui Salzillo politicamente dovrà fare i conti a partire da settembre. Sulla questione del numero 2 di De Angelis anche Casertace ritiene che un vicesindaco non debba essere una persona che sia sfuggita al vaglio del popolo sovrano

    MARCIANISE – E’ comprensibile che Pier Luigi Salzillo, il più votato della lista Pdl, tenga a sottolineare l’unità dei gruppi consiliari sulla questione dei tempi concessi a De Angelis per azzerare la giunta. E’ comprensibile che lo faccia, ma dalla sua breve nota si capisce anche che Salzillo è ben conscio del fatto che non tutti i consiglieri di maggioranza sono sulla linea del “settembre o morte”.

    In poche parole esistono dei consigliere, e se Salzillo lo smentisce poi va a finire che a settembre ottobre fa una brutta figura e ci dispiacerebbe che si accontenterebbero di un primo segnale, cioè della nomina di un paio di assessori politici al posto di un paio di tecnici da subito, per poi concedere a De Angelis 5 o 6 mesi per modificare l’intero impianto dell’esecutivo.

    Particolare significativo è rappresentato dalla stoccata che Salzillo porta all’indirizzo del vicesindaco Accinni che fino ad ora era stato risparmiato sia dalle critiche che dalla richiesta di revoca delle deleghe date agli esterni. E questo perché, su Accinni, il sindaco De Angelis era stato leale con i gruppi, facendo il suo nome già da subito.

    Probabilmente su Accinni si porrà non la questione del suo assessorato, ma quella del vicesindaco, dato che un vicesindaco non eletto dal popolo è cosa rara e poco democratica. Anche negli Stati Uniti dove le elezioni si incentrano solo e solamente sui candidati a presidente in un concetto di democrazia mono-personale, di rapporto dilettissimo tra una nazione e il suo comandante in capo, gli stessi candidati a presidente indicano prima il candidato alla vice presidenza che, a sua volta, diventa un fattore per determinare il consenso dei cittadini.

    Non a caso ai due candidati a vice presidenti viene dedicato uno degli epici faccia a faccia televisivi da cui dipende, il più delle volte, l’esito dell’election day

    G.G.

    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DEL CAPOGRUPPO DEL PDL DI MARCIANISE PIER LUIGI SALZILLO

    Il gruppo consiliare del PDL Marcianise non può fare a meno di notare che in questi ultimi giorni di Agosto si  sono susseguite sui giornali varie ipotesi pseudo-politiche con più o meno fondamento, per tentare di  risolvere l’attuale fase amministrativa di stallo che attanaglia il Sindaco De Angelis. 

    Capiamo la necessità giornalistica di scrivere scoop anche in assenza di vere novità, ma ci troviamo costretti a ribadire la nostra posizione che, purtroppo per qualcuno, è sempre la stessa. Crediamo nella coerenza dei gruppi politici usciti vincenti dalle ultime amministrative, e crediamo che solo questi gruppi debbano nella maniera più assoluta essere forma di governo. Lo crediamo per il rispetto che nutriamo nei confronti dei nostri elettori. Pertanto ci siamo opposti con forza, lo facciamo anche ora, e continueremo ad opporci a qualsiasi giunta non vada in questa direzione. In questo pastrocchio che si è venuto a creare non certo a causa del PDL nessun membro della giunta rappresenta oggi la volontà popolare, nemmeno il vicesindaco. Ci auguriamo che il Sindaco voglia riprendere a Settembre il percorso smarrito troppo in fretta. Gli chiediamo in questi giorni una attenta riflessione.

    Pier Luigi Salzillo

    PUBBLICATO IL: 13 agosto 2013 ALLE ORE 15:20