Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE Il sindaco De Angelis gioca a nascondino con la sua coalizione. Se salta l’incontro esce il documento. E sulla festa del Crocefisso


      Non è tanto sui tempi immediatissimi dell’azzeramento della giunta, rispetto alla quale il sindaco ha ricevuto già il placet per arrivare almeno fino a settembre a fare alzare la tensione, ma è il silenzio del primo cittadino, sulla riunione programmata a far salire la temperatura, e qualcuno minaccia ritorsioni per il giorno 25 quando […]

    Nella foto Tartaglione, De Angelis e la festa del Crocifisso

     

    Non è tanto sui tempi immediatissimi dell’azzeramento della giunta, rispetto alla quale il sindaco ha ricevuto già il placet per arrivare almeno fino a settembre a fare alzare la tensione, ma è il silenzio del primo cittadino, sulla riunione programmata a far salire la temperatura, e qualcuno minaccia ritorsioni per il giorno 25 quando ci sarà l’alza bandiera, atto preliminare della festa religiosa e popolare più sentita in città

    MARCIANISE – Il sindaco De Angelis fa melina di fronte alla posizione incalzante dei suoi alleati. Pdl, Marcianise Più, Fratelli d’Italia, Amoroso e Rivellini sarebbero anche disponili a concedere al primo cittadino un tempo, seppur limitato, per azzerare la giunta comunale. Un tempo che però non può superare il mese di settembre. Ma la cosa che sta indisponendo, non poco, partiti e movimenti del centro destra è il fatto che De Angelis, ad oggi, non si è fatto ancora vivo di fronte alla richiesta di un incontro avanzatagli dai partiti della sua presunta maggioranza.

    Da quel che emerge in queste ore pare che Pdl e soci aspetteranno al massimo altre 24 ore, fino a domani, mercoledì. Nel caso in cui De Angelis non dovesse diramare gli inviti per la riunione il documento formale già pronto e firmato da tutti i partiti in cui viene chiesto al sindaco l’azzeramento della giunta, pena il passaggio all’opposizione, sarà reso pubblico.

    Una cartina al tornasole di questa tensione potrebbe essere rappresentata dalla cerimonia tradizionale, in programma dopodomani 25 lugli: l’alza bandiera che è il primo atto di una festa religiosa molto sentita a Marcianise: quella del Crocefisso che coinvolge in prima persona le autorità civili della città a partire dal sindaco pro tempore che è il presidente onorario del comitato dei festeggiamenti.

    Qualcuno tra i consiglieri comunali, ha anche pensato in queste ore di disertare di proposto la cerimonia per dare un segnale forte. Ma settore più avveduti del centro destra tentano a stemperare questa volontà, dato che il segnale di una strumentalizzazione di quella che è un grande avvenimento religioso e popolare di Marcianise, potrebbe far passare dalla parte del torto chi decidesse di disertare la cerimonia. Al momento, dunque, sembra scontata la presenza, al fianco del sindaco, del presidente del consiglio comunale Tartaglione.

    Il resto si vedrà.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 23 luglio 2013 ALLE ORE 18:19