Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE, i superpoteri di “Topoman” scuotono la maggioranza. Musi lunghi e c’è chi pensa ad una mozione di sfiducia


    Ulteriori polemiche sono state sollevate dall’esito degli ultimi concorsi. Si preannuncia una settimana ad alta tensione MARCIANISE - Urbanistica, lavori pubblici, cimitero e una significativa influenza anche negli ultimi concorsi nelle assunzioni al comune di Marcianise. E’ senza dubbio Filippo Topo l’uomo forte di questa amministrazione. L’uomo forte perché sa nuotare come pochi all’interno della […]

    Nella foto Topo e De Angelis

    Ulteriori polemiche sono state sollevate dall’esito degli ultimi concorsi. Si preannuncia una settimana ad alta tensione

    MARCIANISE - Urbanistica, lavori pubblici, cimitero e una significativa influenza anche negli ultimi concorsi nelle assunzioni al comune di Marcianise.

    E’ senza dubbio Filippo Topo l’uomo forte di questa amministrazione. L’uomo forte perché sa nuotare come pochi all’interno della macchina burocratica del comune che riesce a padroneggiare anche grazie a quella sorta di patto già stipulato con un altro che conta tantissimo nelle cose di potere e cioè il dirigente Fulvio Tartaglione.

    Le ultime notizie pubblicate, naturalmente, da Casertace sull’esito del concorso per due assunzioni di impiegati dalle categorie protette (CLICCA QUI) ha fatto salire la tensione, all’interno della maggioranza, in queste ore. E più di qualche esponente della stessa ha aperto un dialogo con consiglieri di opposizione, ragionando proprio su come cercare di arginare i super poteri di Filippo Topo.

    C’è chi ha ventilato, nella giornata di oggi, domenica, anche l’ipotesi di una mozione di sfiducia. Si tratterebbe di un atto politico, più che di sostanza amministrativa visto che i destini degli assessori ce li ha in mano il sindaco e non il consiglio anche se statuti e regolamenti possono prevedere anche delle forme di censura forte del consiglio all’attività degli assessori.

    Se non sarà mozione di sfiducia comunque potrebbe venir fuori un documento su cui ripetiamo, più di qualche consigliere della maggioranza potrebbe non opporsi. Ora sta al sindaco De Angelis cercare di abbassare le tensioni incidendo su questo grumo di potere enorme, che si va concentrando sempre di più nel duo Topo-Tartaglione.

    G.G. 

    PUBBLICATO IL: 16 febbraio 2014 ALLE ORE 19:41