Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE – I dirigenti Fulvio Tartaglione e Angelo Piccolo non timbrano il cartellino. E c’è chi al Comune è pronto al alzare il tiro


          Altra polemica in maggioranza, dopo che il consigliere Amoroso ha sollevato la questione     MARCIANISE – Perchè gli enti comunali funzionino bene, e lavorino nell’interesse esclusivo dei cittadini, è necessario che ognuno dei soggetti che operano al loro interno abbia completa coscienza dei suoi doveri. E questo vale per tutti, non […]

     

     

     

    Altra polemica in maggioranza, dopo che il consigliere Amoroso ha sollevato la questione

     

     

    MARCIANISE – Perchè gli enti comunali funzionino bene, e lavorino nell’interesse esclusivo dei cittadini, è necessario che ognuno dei soggetti che operano al loro interno abbia completa coscienza dei suoi doveri. E questo vale per tutti, non c’è “gerarchia” che tenga: dall’ultimo dei dipendenti al primo cittadino.

    Viene da sè, dunque, che anche i dirigenti comunali siano tenuti, al pari di tutti gli altri funzionari, a rispettare gli orari di lavoro.

    Il tema dei “furbetti” del mondo del lavoro è sempre di grande attualità, ma l’attenzione al riguardo, in quel di Marcianise, sembra essersi particolarmente acuita nell’ultimo periodo, concretizzandosi nelle critiche di diversi esponenti della maggioranza consiliare.

    Si vocifera, in buona sostanza, del presunto assenteismo dagli uffici dei dirigenti del Comune di Marcianise, ormai continuamente alla ribalta della cronaca, soprattutto quella spregiudicata di Casertace.

    I dirigenti di un ente locale, si sa, godono di una ampia flessibilità di orario, ma questa non può essere considerata una scusa legittima per non frequentare gli uffici comunali: chi si assenta dal lavoro in maniera ingiustificata durante gli orari di lavoro deve rispondere del reato di truffa.

    La polemica, imperversata, come detto, nelle ultime settimane, si rivolge anche contro i vertici dello stesso ente locale, ai quali viene imputato un atteggiamento di forte passività rispetto a questo presunto comportamento lassista dei dipendenti comunali.

    In questa direzione si sono orientate le azioni recentemente intraprese dal consigliere comunale di maggioranza Paride Amoroso, che ha chiesto, in una apposita interrogazione, quale sia la posizione che l’attuale amministrazione marcianisana ha assunto, o ha intenzione di assumere, rispetto al tema, divenuto più caldo che mai.

    D’altra parte, posizioni altrettanto intransigenti rispetto alla “nullafacenza” dei dipendenti comunali, sono state assunte dalla stessa Corte di Cassazione con l’importante sentenza 44912/2008, con la quale anche la Suprema Corte è parsa uniformarsi alla linea dura, notoriamente promossa dall’allora ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta, contro i cosiddetti “fannulloni” presenti nelle pubbliche amministrazioni.

     

    Maria Concetta Varletta

    PUBBLICATO IL: 10 febbraio 2014 ALLE ORE 15:52