Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MARCIANISE – Casertace coglie nel segno: ecco la prima risposta di De Angelis alle polemiche sull’ABUSIVISMO EDILIZIO


          Casertace accorcia i tempi: la risposta di De Angelis alle perplessità espresse ieri nella riunione dei capigruppo, sul tema dell’abusivismo edilizio, non si è fatta attendere i sette giorni annunciati, ma è arrivata già oggi. Il nostro articolo esclusivo di ieri (CLICCA QUI PER LEGGERLO) ha colto nel segno, sollecitando una risposta […]

     

     

     

    Casertace accorcia i tempi: la risposta di De Angelis alle perplessità espresse ieri nella riunione dei capigruppo, sul tema dell’abusivismo edilizio, non si è fatta attendere i sette giorni annunciati, ma è arrivata già oggi. Il nostro articolo esclusivo di ieri (CLICCA QUI PER LEGGERLO) ha colto nel segno, sollecitando una risposta più celere.

    Di seguito, pubblichiamo il comunicato stampa integrale da pochi minuti diffuso dalla Casa Comunale

     

    MARCIANISE – “La questione dell’abusivismo edilizio a Marcianise è complessa e molto delicata perché interessa un cospicuo numero di famiglie. Per tale ragione, è assolutamente necessario che tutti, qualsiasi sia il ruolo espletato all’interno dell’istituzione comunale, evitino avventate esternazioni generanti confusione tra i cittadini”.

    Con questo monito il sindaco Antonio De Angelis interviene direttamente nella vicenda abusivismo, facendo chiarezza sul modus operandi che l’esecutivo sta adottando per affrontare la problematica.

    Un Comune, come noto  – continua la locale fascia tricolore-  non può riaprire i termini di un condono edilizio, essendo quest’ultima una prerogativa dello Stato.  Insieme all’assessore all’Urbanistica, Giovanni Santoro, stiamo costituendo un tavolo operativo, a cui siederanno anche amministrativisti esperti, per valutare la possibilità di  accettare le istanze di sanatorie di coloro che, proprietari di un manufatto illegittimo, pur avendo avviato la richiesta di condono in osservanza agli adempimenti previsti dalla normativa vigente, si sono visti rigettare la pratica per la sua incompleta definizione  entro i ristretti termini cronologici fissati nel 2008 dall’allora commissario straordinario”.

    Qualora tale strada non dovesse risultare percorribile,  o in generale, per i casi eventualmente esclusi dalla sopraccitata misura l’amministrazione De Angelis sta già vagliando un’altra soluzione.

    In applicazione alle indicazioni contenute nella Legge regionale 5/2013- spiega il primo cittadino-  intendiamo recuperare gli immobili abusivi definiti dall’assise di interesse pubblico, al fine di  destinarli prioritariamente ad alloggi di edilizia residenziale e di edilizia residenziale sociale, privilegiandone nell’assegnazione, mediante bando pubblico, coloro che lo occupavano al momento dell’acquisizione al patrimonio comunale. A tal fine, nella giornata del 7 gennaio, insieme con il delegato Santoro, ho partecipato ad una riunione dei capigruppo, ritenendo che fosse quella la sede utile per iniziare a valutare i criteri da adottare nella valutazione dell’interesse pubblico per i singoli  manufatti.  In quel frangente, ho ascoltato con attenzione tutti gli interventi dei convenuti, riservandomi di portarli all’attenzione dell’intera giunta per integrarli eventualmente alla nostra proposta”.

    PUBBLICATO IL: 8 gennaio 2014 ALLE ORE 16:14