Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MADDALONI – Pdl caos. Cerreto fa la finta con suo nipote, ma sogna la staffista Cioffi assessore. Le manovre di Gigi Bove, i piani di Procino


      Grossi grattacapi per il neo sindaco De Lucia e per l’affermazione dei suoi paletti, che vorrebbero escludere dall’esecutivo chi ha già fatto l’assessore in passato   MADDALONI – Lo schema che ha in testa Rosa De Lucia piace a pochi, soprattutto del suo partito. La neo sindaco vuole attribuire un assessore per ogni lista che […]

    Nelle foto, da sinistra, Letizia Cioffi e Giusy Pascarella

     

    Grossi grattacapi per il neo sindaco De Lucia e per l’affermazione dei suoi paletti, che vorrebbero escludere dall’esecutivo chi ha già fatto l’assessore in passato

     

    MADDALONI – Lo schema che ha in testa Rosa De Lucia piace a pochi, soprattutto del suo partito. La neo sindaco vuole attribuire un assessore per ogni lista che ha ottenuto almeno un seggio. Un criterio di equità che non tiene conto, però, dei rapporti di forza e del peso specifico di certe alleanze, stipulate seppur in maniera non formale tra primo e secondo turno. Sono soprattutto gli adepti dell’ex sindaco Antonio Cerreto a battere i piedi a terra e a contestare questa impostazione. Questa, ma anche i vincoli che la De Lucia ha posto per entrare all’interno della giunta, che sarà inibita, secondo l’impostazione della neo prima cittadina, a coloro che hanno svolto la funzione di assessore negli ultimi 20 anni.

    Antonio Cerreto aveva un piano per queste elezioni: indicare un assessore e possibilmente confermare il posto nello staff del sindaco della sua fedelissima Letizia Cioffi.

    Rischia di non ottenere né la prima, né la seconda cosa. Se ne capirà di più stasera mercoledì, nel corso di una riunione del Pdl, convocata dal segretario cittadino Procino e a cui parteciperanno i consiglieri eletti e anche quelli non eletti.

    In questa circostanza sarà utile comprendere quale sarà la posizione assunta dal primo eletto, l’ortopedico Mario D’Addiego, il quale da un lato deve essere riconoscente all’ex sindaco Cerreto per il trasferimento dall’ospedale di Sant’Agata a quello di Maddaloni, dall’altro, in certe parole utilizzate in questi giorni pare voler prendere la strada del lealismo nei confronti del partito e delle posizioni del sindaco.

    Cerreto per il posto di assessore punterebbe su Vincenzo Cerreto che è suo nipote. Naturalmente questo, potrebbe accadere solo se la De Lucia rimuovesse i paletti sull’impegno in giunta da parte di chi l’assessore l’ha già fatto, come nel caso di Vincenzo Cerreto, anche se tutta questa storia appare un po’ paradossale, dato che la De Lucia stessa è stata assessora ai Lavori Pubblici, nella precedente consiliatura proprio insieme al sindaco Cerreto.

    Cerreto ha una soluzione di riserva qualora la De Lucia dovesse tenere ferma la sua posizione. La soluzione è costituita proprio da Letizia Cioffi che, passerebbe dall’ambizione di staffista alla nomina ad assessora comunale.

    Un’altra partita nel Pdl si gioca sulla carica di capogruppo. Gigi Bove, anche stamattina, mercoledì, ci ha dichiarato che lui non è interessato. Ma siccome è diventato un abile politico, capita spesso che dietro le smentite ci sia un’attività, un lavorio dietro le quinte per ottenere l’obiettivo. Ma alla fine quella poltrona potrebbe aggiudicarsela Giusy Pascarella, che rispetto a Gigi Bove, con tutto il biiii rispetto per quest’ultimo, vanta ben altri numeri sul piano dell’immagine. La Pascarella è la quarta nella lista del Pdl, dietro Dora Caturano, anche lei portatrice di un ambizione di cui è motore il papà commercialista Nino Caturano, già sindaco di Maddaloni.

    La terza ed ultima partita riguarda la guida politica del Pdl cittadino. L’attuale segretario Procino vuole fare l’assessore. Se non ci dovesse riuscire, vuole rimanere alla guida del partito. E questo ostacola l’ambizione di Gigi Bove di far sedere su quest’ultima poltrona il suo amico Antonio De Lucia.

    Insomma, la matassa è intricata. E difficilmente il sindaco riuscirà a dipanarla con i diktat.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 19 giugno 2013 ALLE ORE 12:21