Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    MADDALONI – Assessori nel Pdl siamo quasi ai cazzotti, Udc caos, Lerro incazzato perchè gli tolgono la 328


        Ancora complicatissima la strada che porta alla composizione del nuovo esecutivo. Ed intanto, il tempo stringe. Per lunedì è convocato il consiglio comunale   MADDALONI - Probabilmente è stato un errore di gioventù quello compiuto dal neo sindaco Rosa De Lucia quando ha deciso di convocare il Consiglio comunale per il 1 luglio. […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Giacomo Lombardi e Gennaro Cioffi

     

    Ancora complicatissima la strada che porta alla composizione del nuovo esecutivo. Ed intanto, il tempo stringe. Per lunedì è convocato il consiglio comunale

     

    MADDALONI - Probabilmente è stato un errore di gioventù quello compiuto dal neo sindaco Rosa De Lucia quando ha deciso di convocare il Consiglio comunale per il 1 luglio. Occorreva, forse qualche giorno in più per dipanare la matassa degli assessori.

    I problemi li hanno tutti, a partire dal Pdl che con un solo posto in giunta rischia di trasformarsi in un vero e proprio salon con scazzottate assortite.

    Sul versante Udc regna il caos. Tre neo consiglieri per motivi diversi potrebbero non votare Giacomo Lombardi alla presidenza del Consiglio. Al momento nel partito di Zinzi, a dimostrazione della difficoltà del momento, dovrebbe essere lo stesso Lombardi ad assumere il ruolo di Capogruppo.

    Giuseppe Magliocca, che in passato fu uno di quelli che fregò Gennaro Cioffi, ora vorrebbe saldare quel conto, compensare quel gesto. Per questo è diventato il più acceso fautore dell’elezione di Cioffi a presidente del Consiglio comunale.

    Operazione tutt’altro che agevole, dato che la sindaco, dalla quale Cioffi si aspettava un pronunciamento sulla discontinuità anche in relazione alla carica di speaker del consiglio comunale, ma la De Lucia non ha pronunciato parola, perchè teme ancor di più della defezione di Cioffi, quella di Giacomo Lombardi, direttore delle poste.

    E veniamo a Massaro. Lui era in parola con la Corbaglia, ma dato che ora il partito casertano sostiene Michele Cerreto, nonostante il dubbio di incompatibilità tra la carica di assessore e la funzione professionale svolta al Villaggio dei Ragazzi, super convenzionato con il Comune, allora ha posto anche la sua candidatura.

    All’interpartitico, dunque, l’Udc non arriverà con un nome, ma con una rivendicazione relativa alla delega.

    Altro che attività produttive, Salvatore Mataluna e Maria Letizia, in rappresentanza del partito di Zinzi, chiederanno la delega ai Servizi Sociali, senza alcun spacchettamento, dunque, compresa la gestione della 328. E questo potrebbe aprire una crepa nei rapporti all’interno della maggioranza con il gruppo di Maddaloni Futura, dato che Lerro, attraverso la moglie era già convinto di ottenere proprio la delega alla 328.

    Ed infine ci sono i centristi di Clemente Di Rosa e di Santangelo, i quali guardano sbigottiti verso questa giostra e verso l’oblio in cui è precipitata la promessa di assessorato che il sindaco fece loro tra primo turno del ballottaggio e che ora lo stesso sindaco ha rinnegato.

    Stasera, venerdì, altro giro altra corsa.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 28 giugno 2013 ALLE ORE 19:08