Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    “MACHO PIO” come Napoleone Bonaparte. Caserta, Dio me l’ha data, guai chi me la tocca


    IN CALCE ALL’ARTICOLO IL COMUNICATO STAMPA DEL PRIMO CITTADINO IN RISPOSTA ALL’ARTICOLO DI CASERTACE. Lei può battere i piedini quanto vuole. Ma se l’Udc esce, lei è appeso alla logica della calcolatrice e del mercatino delle vacche. Questo lo dicono i fatti e non le chiacchiere CASERTA – Il sindaco Del Gaudio non l’ha presa granché […]

    Nelle foto, da sinistra, Pio Del Gaudio e Napoleone Bonaparte che si auto incorona re d’Italia nel duomo di Milano, pronunciando la famosa frase

    IN CALCE ALL’ARTICOLO IL COMUNICATO STAMPA DEL PRIMO CITTADINO IN RISPOSTA ALL’ARTICOLO DI CASERTACE. Lei può battere i piedini quanto vuole. Ma se l’Udc esce, lei è appeso alla logica della calcolatrice e del mercatino delle vacche. Questo lo dicono i fatti e non le chiacchiere
    CASERTA – Il sindaco Del Gaudio non l’ha presa granché bene. Di solito, risponde ai nostri articoli nel giro di tre ore. Stavolta ne ha impiegate solo 2. Ma, evidentemente, le cose nella sua maggioranza non devono essere così tranquille se ha ritenuto di impostare un comunicato che ha l’impianto di una smentita, ma la sostanza del nulla. Un comunicato che assomiglia ad uno schizzo emotivo, più che ad un’effettiva determinazione di una linea politica in relazione a quella che è la posizione dei 7 consiglieri comunali dell’Udc, i quali non si sentono adeguatamente rappresentati in giunta e che il sindaco ha già escluso dal tavolo della trattativa tra i partiti e tra i gruppi di maggioranza, per cui la ferale frase di rito leggo false notizie“, che informa l’incipit della nota sindacale,  viene parzialmente dopo, sole tre sillabe, emendata da una nuova percezione, su quelle che Del Gaudio definisce “ipotesi azzardate“. E qui scatta il primo dilemma.
    Se le notizie sono false, anche le ipotesi dovrebbero essere false. Ed invece no. Sono azzardate, il che non significa che sono infondate. E, poi, l’azzardo è un esercizio a volte temerario, ma che non è collegato, nella maggior parte dei casi, ad una dimensione irrazionale.
    Dunque, si può anche comprendere dal punto di vista psicologico che chi si ciba ogni giorno della percezione di una conquista di enorme valore per la sua vita, poi cominci a battere i piedini a terra quando c’è qualcuno che dentro a questa conquista ci vuol ficcare il naso e le mani.
    Detto questo, però, Del Gaudio si dovrà fare una ragione dei nuovi equilibri, qualora continuasse a non ascoltare quello che l’Udc gli chiede. Senza quei 7 consiglieri, ha bisogno di portare dalla sua parte, almeno uno di quelli che oggi, nominalmente fanno parte della minoranza.
    Con uno solo, tra Bologna, Corvino e Ursomando, che gli giura, che mai e poi mai gli voterà una mozione di sfiducia, Del Gaudio potrà contare, compreso lui, su 17 consiglieri precisi. E siccome l’aritmetica non è un’opinione, il capriccioso primo cittadino, i piedini li può sbattere anche per un’ora di seguito, può anche battere i pugnetti per un pomeriggio intero, inondando la piattaforma di facebook, ma i numeri rimarranno sempre quelli: se il sindaco “si porta” Luigi Bologna, potrà contare, su 17 consiglieri, compreso se stesso.
    Con Ursomando, già dalla sua parte per le note vicende, sono 18. Con Corvino arriverebbe a 19.
    Tutto il resto sono espressioni meramente emozionali. Dunque, mentre Del Guadio scrive nel comunicato stampa che lui mai si farà soggiogare dalla logica della calcolatrice, da oggi in poi, a meno che l’Udc non confermi il pieno appoggio all’amministrazione comunale, la maggioranza al Comune di Caserta è proprio appesa ad una calcolatrice. Gli piaccia o no.
    Ora, però, al sindaco a cui piacciono le frasi un pò virili, gliela concedo una soddisfazione. Questa la chiusa del suo comunicato: “In merito alle sorti e alla guida della mia amministrazione valgono le dichiarazioni che faccio io.
    Dio me l’ha data (Caserta), guai a chi me la tocca”. – Che MACHO!
    Gianluigi Guarino
    QUI SOTTO IL COMUNICATO STAMPA DEL SINDACO PIO DEL GAUDIO
    “Leggo false notizie e ipotesi azzardate su nuovi equilibri all’interno della mia maggioranza. Smentisco tutto”. Lo dice il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio.
    “Non sono interessato – aggiunge –  a giochini e giochetti utilitaristici e appartenenti a vecchi schemi della politica, che non ho mai condiviso e che ho sempre rifiutato. La mia maggioranza è costituita e sarà costituita solo da coloro che unanimemente saranno interessati al buon governo. Chi pensa di ricattare politicamente o rivendicare ruoli e posizioni partitiche fini a se stesse senza proposte programmatiche e di interesse collettivo può accomodarsi altrove”.
    “Ho avuto un mandato chiaro dagli elettori: risolvere i problemi finanziari della città che hanno determinato il dissesto e assicurare la normalità del buon governo. Su questi temi mi confronterò con tutti, ma solo su questi temi. E senza la calcolatrice. Ai casertani interessa che la città sia bene amministrata. E’ questo l’unico impegno della mia amministrazione”, conclude il sindaco, precisando: “In merito alle sorti e alla guida della mia Amministrazione valgono le dichiarazioni che faccio io”.

    PUBBLICATO IL: 1 marzo 2013 ALLE ORE 16:08