Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    L’EDITORIALE / I renziani rompono a 24 ore dal voto. Ma il Pd casertano ha zero credibilità se i mattatori sono Feole, Cusano e De Michele


    IN CALCE, IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA DIRAMATA DAL COMITATO RENZI, che formalizza il ritiro dei suoi rappresentanti dalla commissione. La concentrazione dei seggi in un solo luogo a Caserta: roba da Bielorussia di Aleksandr Lukašenko. Quale messaggio di cambiamento può dare un partito, che, in questi giorni è nelle mani dei signori Ludovico Feole, Giovanni […]

    Nelle foto, da sinistra, Giovanni Cusano, Ludovico Feole e Franco De Michele

    IN CALCE, IL TESTO INTEGRALE DELLA NOTA DIRAMATA DAL COMITATO RENZI, che formalizza il ritiro dei suoi rappresentanti dalla commissione. La concentrazione dei seggi in un solo luogo a Caserta: roba da Bielorussia di Aleksandr Lukašenko.

    Quale messaggio di cambiamento può dare un partito, che, in questi giorni è nelle mani dei signori Ludovico Feole, Giovanni Cusano, Franco De Michele. Con tutto il rispetto per queste tre persone, quale autorevolezza può esprimere la loro estensione nella funzione politica, alla luce del cursus honorum della loro vita professionale? Come può accadere che tre esperienze pubbliche come quelle di Feole, di Giovanni Cusano e Franco De Michele possano rappresentare il meglio esprimibile da un partito che si riempie la bocca ogni giorno delle parole cambiamento, innovazione, competenza, relazione tra esperienze della società civile e promozione della sua classe dirigente? Mi spiegate perchè un casertano dovrebbe preferire il Pd di Ludovico Feole, Giovanni Cusano e Franco De Michele al Pdl di Cosentino e Berlusconi? Come può accadere che (ripeto con tutto il rispetto per le tre persone in quanto tali) che un Feole, un Giovanni Cusano, un Franco De Michele possano diventare gli autentici mattatori delle elezioni Primarie di sabato 29 dicembre?

    E invece è proprio così. Come abbiamo scritto ieri, giovedì, Ludovico Feole, Giovanni Cusano e Franco De Michele sono coloro che stanno dettando le coordinate attraverso cui si voterà sabato. Coordinate che icanaleranno il consenso nella maniera desiderata di una parte dei candidati.

    Della platea degli aventi diritto di Sessa Aurunca abbiamo scritto una decina di volte e questo schifo ci siamo anche stufati di ribadirlo nelle nostre inutili intemerate. La novità delle ultime 24 ore è costituita dalla concentrazione del voto in un solo luogo elettorale. Un atto gratuito ed ingiustificato, che evoca le modalità di certe elezioni che si tengono in alcuni paesi tipo la Bielorussia di Aleksandr Lukašenko.

    Questo avviene per fottere ad esempio Carlo Marino a Caserta e per arginare Dario Abbate a Marcianise.

    Naturalmente, la conseguenza è che stamattina, venerdì, a 24 ore dall’apertura dei seggi, i rappresentanti dei candidati renziani all’interno della commissione, hanno deciso di rompere e di abbandonarla. Insomma, il Pd di Caserta, preda, in questi giorni dell’autorevolissima Troika di cui sopra, rischia seriamente di deflagrare.

    G.G.

    QUI SOTTO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO STAMPA DELL’AREA RENZI DI CASERTA

    I rappresentanti dei candidati di Matteo Renzi alle Parlamentarie del Partito Democratico che in Terra di Lavoro si celebreranno sabato 29 dicembre, non condividendo la scelta del coordinamento per la gestione tecnica delle operazioni di voto (costituitosi in seguito alle dimissioni del Segretario Provinciale Dario Abbate) relativamente all’ubicazione dei seggi e alla composizione della platea dei votanti hanno inteso non partecipare alla votazione, abbandonando il tavolo dello stesso.

    Gennaro  Falco, Franco Passaro e Pietro Canzano, rispettivamente in rappresentanza del candidato Carlo Marino, Loredana Affinito e Raffaella Zagaria, hanno contestato la “ricostruzione” della platea dei votanti di Sessa Aurunca, nonché la scelta di accorpare in una unica sede, vale a dire la Chiesa del Buon Pastore (Piazza Pitesti), tutti i sette seggi che, nella Città capoluogo di Provincia, erano stati predisposti per le Primarie dello scorso 25 Novembre.

    PUBBLICATO IL: 28 dicembre 2012 ALLE ORE 11:03