Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La Sgambato resta fuori. La grillina Moronese senatrice. TUTTI GLI ELETTI


      7 i parlamentari casertani: 4 senatori e 3 deputati. 3 Pdl, 2 Pd, 1 Grillo, 1 Lista Monti. Qualcuno in queste ore ci ha fatto i complimenti scrivendo “Nostradamus vi deve portare la borsa”. Le nostre previsioni fatte con i modelli matematici sono una cosa serissima costruita a tavolino con persone di grandi competenze […]

    Nelle foto, da sinistra, Camilla Sgambato, Vilma Moronese e Giovanna Petrenga

     

    7 i parlamentari casertani: 4 senatori e 3 deputati. 3 Pdl, 2 Pd, 1 Grillo, 1 Lista Monti. Qualcuno in queste ore ci ha fatto i complimenti scrivendo “Nostradamus vi deve portare la borsa”. Le nostre previsioni fatte con i modelli matematici sono una cosa serissima costruita a tavolino con persone di grandi competenze e con qualche dose di buon senso empirico, fondato sulla nostra esperienza. Fatto sta che abbiamo indovinato tutto, eccetto 3 punti percentuali che il Pd non ha preso e che fanno rimanere fuori da Montecitorio la moglie di Giuseppe Stellato

     

     

    CASERTA – “Nostradamus, ti deve portare la borsa”. Il complimento, fattomi da una collega che ha lavorato con me ai tempi del Corriere di Caserta, lo incarto volentieri, ma lo condivido con chi ha lavorato con me in questo mese di campagna elettorale, dentro Casertace e lo condivido con un politico, di formidabile esperienza in quanto a calcoli in previsioni elettorali.

    Mi ricordo bene quando qualcuno sorrideva rispetto alla proposizione del nostro modello matematico. Chi è, schiattat: se non fosse stato per i circa 3 punti in più che avevamo dato al Pd rispetto ai voti riportati effettivamente nella circoscrizione di Campania 2, altro che sondaggi. Sì, non dico che ci deve portare la borsa, ma al monaco una ripassatina qui da Casertace non farebbe certo male.

    In effetti, noi non ci siamo certo buttati ad indovinare. Abbiamo calcolato la media dei sondaggi fatti per la Campania al Senato, li abbiamo calati nella realtà territoriale di Campania 2, che è la Campania depurata dalla provincia di Napoli, considerando le serie storiche di risultati ottenuti dai partiti nelle ultime elezioni politiche, non in termini assoluti, ma in termini di scostamento di quello che era stato il risultato di Campania 2 rispetto a quello senatoriale della Campania.

    Abbiamo considerato almeno un 2% in più da assegnare a Grillo, rispetto al Senato, per effetto di quella che era la prevedibile adesione del voto giovanile e così, nel nostro modello matematico, sono venute fuori le percentuali e le ripartizioni dei seggi che puntualmente si sono poi verificate.

    Avevamo dato il Pdl al 27,8% e ha preso il 28,2. Avevamo detto che il Pdl avrebbe eletto sei deputati e il Pdl ha eletto 6 deputati. Avevamo preventivato che Fratelli d’Italia avrebbe eletto un suo deputato, il salernitano Cirielli, in questa circoscrizione e questo è puntualmente avvenuto.

    Avevamo preventivato che Grillo pur andando bene sarebbe andato un pelo peggio a Campania 2, di quanto non sarebbe andato a livello nazionale.

    Puntualmente verificatosi. Grillo ha conquistato 4 seggi. Esattamente quanti il nostro modello matematico ne aveva previsti.

    Avevamo detto che chi tra scelta civica e Udc fosse arrivato primo nella circoscrizione si sarebbe aggiudicato il terzo seggio dei tre in quota alla coalizione di centro. Così è stato: 2 seggi a Scelta civica, 1 seggio all’Udc, a cui resta il rammarico di un’occasione buttata via, dato che alla fine a Veneto 1, il ministro Catania è riuscito a passare e qui è stato eletto Giuseppe De Mita, con Gianpiero Zinzi, primo dei non eletti.

    L’unica cosa in cui non siamo stati bravi è stato il non prevedere che il Pd non era quotabile al 24%, ma al 21 e rotti. Questo ha determinato una conseguenza: i collegi del centro italia hanno cannibalizzato un seggio. E questo ha determinato la non emissione di Camilla Sgambato.

    12 i seggi finiti al Pd. Il che vuol dire che se Enrico Letta opterà per le Marche, la Sgambato sarà la prima dei non eletti col 14, in caso contrario, addirittura la seconda dei non eletti.

    Tra pochissimi minuti l’elenco dei deputati eletti nella circoscrizione di Campania 2.

    Non è andata bene al centro sinistra casertano, che porta a Roma solo 2 parlamentari: Rosaria Capacchione al Senato, Pina Picierno alla Camera. Mentre il centrodestra ne porta 3: Carlo Sarro e Giovanna Petrenga alla Camera ed Enzo D’Anna al Senato.

    Sesto parlamentare casertano il medico aversano Lucio Romano, senatore per la lista Monti.

    Una casertana di San Prisco è senatrice per Grillo, si tratta di Vilma Moronese.

     

    PUBBLICATO IL: 26 febbraio 2013 ALLE ORE 9:30