Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    LA NOTA – Il trivio di De Filippo, la manovra vincente di D’Anna e i voti decisivi di Santangelo e Di Rosa


    Dall’analisi dei dati risulta sempre più evidente il decisivo apporto fornito da quella parte di Impegno comune che De Filippo ha, in pratica, spinto dall’altra parte MADDALONI - Rosa De Lucia è il nuovo sindaco di Maddaloni. Il responso fornito dal ballottaggio che l’ha opposta ad Andrea De Filippo è chiaro e ben definito. La […]

    Di Rosa, De Filippo e Santangelo

    Dall’analisi dei dati risulta sempre più evidente il decisivo apporto fornito da quella parte di Impegno comune che De Filippo ha, in pratica, spinto dall’altra parte

    MADDALONI - Rosa De Lucia è il nuovo sindaco di Maddaloni. Il responso fornito dal ballottaggio che l’ha opposta ad Andrea De Filippo è chiaro e ben definito.

    La strategia messa in campo dalla candidata di Montedecoro è risultata vincente, un pò per gli scenari che si sono venuti a creare, un pò per il mancato allargamento dell’aggregazione dell’avversario.

    Dopo il primo turno ci sono stati dei dati fondamentali: il tracollo del Pd, il successo dei singoli della lista di Impegno Comune, il grande risultato personale di Andrea De Filippo e la mancata vittoria al primo turno del centrodestra. Insomma, una situazione privilegiata per il leader di “Maddaloni nel Cuore”, che si è ritrovato dinanzi ad un bivio con tre uscite: blindare le liste che sono state al suo fianco e andare avanti senza mezzi termini, apparentamento ufficiale con Pd o Impegno Comune, accordo tecnico sancito da patti d’onore con i singoli delle rispettive liste sopracitate.

    Senza dubbio, Andrea De Filippo ha scelto la strada più difficile e più complicata: massima tutela della coalizione e intesa sulla ‘parola’ con gran parte dei riferimenti del Pd, in primis Enzo Correra e Raffaele Sabba che non sono abituati a stare in panchina, e di Impegno Comune, in particolar modo con il candidato sindaco Enrico Pisani e con la famiglia Sferragatta. Questa mossa, però, ha finito per favorire Rosa De Lucia che ha avuto, da un lato la strada spianata nel forzare alla rinuncia all’apparentamento ufficiale sia con il Pd che con Impegno Comune, mantenendo di fatto la serenità tra le liste in suo appoggio, dall’altro le ha concesso la possibilità di giocarsi il tutto per tutto con l’opera di convincimento del gruppo che più le interessava e che non ha mai nascosto di corteggiare: Enzo Santangelo, Clemente Di Rosa e Maria Cafarelli. Grazie agli scherzetti che riserva il metodo d’Hondt, Rosa De Lucia, forte del dato che l’entrata in consiglio comunale di uno gruppo potesse avvenire solo con la sua vittoria, ha chiesto aiuto ai massimi esponenti del suo partito per sancire l’alleanza.

    Enzo D’Anna, il vero regista dell’accordo, Nitto Palma e Fulvio Martusciello, hanno così letteralmente ‘pressato’ il vero fautore del successo di preferenze ottenuto della coppia Di Rosa-Cafarelli: il Consigliere Provinciale Enzo Santangelo. Con l’aiuto dell’uomo ombra di Rosa De Lucia, Carmine Esposito, che ha anch’egli recitato un ruolo importante e fondamentale, i vertici del Pdl sono riusciti a sancire quell’accordo elettorale che, con i dati avuti dalla chiusura delle urne, è risultato sicuramente decisivo. 8421 contro 7405, in politichese vuol dire che con 500 voti ‘spostati’ da una parte all’altra, oggi la storia sarebbe diversa.

    Andrea De Filippo ha puntato molto sul successo del primo turno e sul voto di opinione e, in cuor suo, ha sperato che il cosiddetto mondo della sinistra fosse il valore aggiunto che gli avrebbe concesso il successo. Così non è stato, gli accordi presi con i singoli hanno avuto il loro positivo riscontro, ma a mancare sono stati i voti di coloro che, rivedendosi nel centrosinistra, hanno preferito disertare le votazioni. L’unica consolazione è di essere andato veramente vicino al successo, ottenendo un formidabile 47%. La politica però è fatta di vittorie, il popolo è sovrano e ha deciso di pendere dalla parte di Rosa De Lucia.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 11 giugno 2013 ALLE ORE 11:32