Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    La legalità all’amatriciana del ‎PD casertano. Il viceministro degli interni ‎Bubbico oggi a un convegno con i freschi indagati per peculato ‎Esposito e ‎Caputo


      Accadrà a S.Nicola la Strada per la festa del partito. Predicano, predicano, ma poi razzolano male. Ne fanno bandiera e riempiono di chiacchiere migliaia di comunicati stampa, ma questo è un partito di farisei che applica la tecnica dello gnorri. A questo punto meglio quelli del Pdl, che almeno non pretendono di sembrare diversi […]

     

    Nella foto Esposito, Bubbico e Caputo

    Accadrà a S.Nicola la Strada per la festa del partito. Predicano, predicano, ma poi razzolano male. Ne fanno bandiera e riempiono di chiacchiere migliaia di comunicati stampa, ma questo è un partito di farisei che applica la tecnica dello gnorri. A questo punto meglio quelli del Pdl, che almeno non pretendono di sembrare diversi da quello che sono

    CASERTA - Quello tra il Pd, soprattutto tra il Pd casertano e il tema della legalità, della trasparenza della propria classe dirigente è un rapporto complesso, nel senso che di chiacchiere, quelli del Pd ne fanno tante, ma di sostanza poco e niente.

    Trovandoci in questa terra politicamente arretrata, sono costretto a ripetere la solita cantilena: quello che ci apprestiamo a scrivere non implica assolutamente una nostra posizione e un nostro giudizio sulle vicende giudiziarie che hanno coinvolto esponenti del Pd casertano. Il nostro discorso riguarda la questione dell’opportunità politica che questo partito bypassa sistematicamente, facendo finta di niente.  Il Pd casertano applica la strategia dello gnorri. Mi spiegate che cavolo viene a fare, oggi, domenica, alla festa del Pd di S. Nicola la Strada il viceministro dell’interno Bubbico ad un convegno sulla sicurezza e dunque sulla legalità, a cui partecipano in prima fila Lucia Esposito e Nicola Caputo che come persone sono innocentissime, ma come politici, e come rappresentanti delle istituzioni sono coinvolti in pesanti inchieste giudiziarie, con ipotesi di reato affatto leggere a partire dal peculato che, per chi non lo avesse capito, è un reato gravissimo, l’unico per il quale, la recente legge anti-corruzione ha previsto un’inasprimento delle pene che possono arrivare anche a diversi anni di reclusione.

    Diciamo pure che Caputo e la Esposito, parimenti agli altri indagati, possono continuare tranqullamente a far politica, dato che uno o due avvisi di garanzia, non significano certo una condanna.

    Però, che il viceministro dell’interno Bubbico viene a legittimare due consiglieri regionali che comunque hanno un contenzioso aperto con la legge e dunque, in senso lato, con la legalità. Beh, questo la dice lunga, al pari del silenzio interessato  e peloso della neoresponsabile  nazionale antimafia Picierno sullo stato confusionale del Pd, ma soprattutto sulla farisaica ipocrisia che domina in questo partito.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 7 luglio 2013 ALLE ORE 15:27