Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Il restroscena esclusivo / Cosentino a Caldoro: blocca la nomina degli assessori regionali e io fermo il congresso provinciale. Il governatore: “No”.


      L’unico impegno che Caldoro ha assunto è quello di non partecipare né all’evento di Pastorano di Landolfi e Coronella, né al congresso del Crowne Plaza. Stessa cosa dovrebbero fare Paolo Romano e il sindaco di Mondragone, Giovanni Schiappa Caserta - Quel bricconcello di Cosentino, ieri, mercoledì, quando mi ha chiamato, non mi ha detto […]

    Nella foto, Nicola Cosentino, Stefano Caldoro e Mario Landolfi

     

    L’unico impegno che Caldoro ha assunto è quello di non partecipare né all’evento di Pastorano di Landolfi e Coronella, né al congresso del Crowne Plaza. Stessa cosa dovrebbero fare Paolo Romano e il sindaco di Mondragone, Giovanni Schiappa

    Caserta - Quel bricconcello di Cosentino, ieri, mercoledì, quando mi ha chiamato, non mi ha detto tutta la verità. Sì, stai fresco, pari che scendi dal pero. La verità e Cosentino non sono un ossimoro ma poco ci manca. Anzi, della telefonata di ieri posso ritenermi umanamente soddisfatto, visto che Cosentino è stato cortese e prodigo di complimenti.

    Ma siccome, chi scrive lo conosce e ne studia le strategie da una dozzina di anni, non ha mai pensato che quella telefonata fosse finalizzata a formulare solamente vive congratulazioni al lavoro di Casertace o per scambiare quattro chiacchiere con un giornalista impiccione.

    Ho domandato un pò in giro e ho saputo che ieri Cosentino ha incontrato il governatore Caldoro, il quale, parimenti ammiratore del lavoro di Casertace ha trovato il modo di farci sapere il contenuto di quella chiacchierata.

    In linea di massima è andata così. Cosentino ha detto a Caldoro: “io congelo il congresso provinciale, se tu congeli le nomine degli assessori regionali, mettendo da parte l’idea di nominare Martusciello e la Nugnes”.

    Risposta di Caldoro: la nomina degli assessori regionali è una mia prerogativa, che intendo utilizzare al più presto. Risultato finale: fumata nera, con l’unico impegno, assunto dal governatore  di non prendere parte alla manifestazione organizzata da Mario Landolfi e Coronella al ristorante del Sole di Pastorano.

    Assenza, che però, farà il paio con l’arcisicura diserzione dello stesso Caldoro dai lavori del congresso provinciale del Pdl di Caserta, che si dipaneranno, contemporaneamente alla convention di Pastorano al Crowne Plaza di Caserta.

    L’ottimo Nicola, avendo incassato questa garanzia, ha pensato bene di comunicarla a Casertace, che il giorno prima aveva caricato di significati politici, l’evento di Pastorano, proprio perchè, avendo dato per probabile la presenza del governatore Caldoro, aveva, automaticamente parlato di un sostanziale, se non formale, controcongresso. Dipanato il retroscena, ci accingiamo a seguire questa giornata di cuori concitati. Polverino ha cominciato il suo bombardamento di sms per riempire il Crowne Plaza soprattutto con la sua claque.

    Ha dato ordine di votare Lucrezia Cicia tra i membri (?) elettivi del coordinamento provinciale. Dall’altra parte domani mattina, venerdì, alle 12, sotto al gazebo del bar La Veneziana di corso Trieste, a Caserta, Landolfi e Coronella presenteranno, in una conferenza stampa la manifestazione del ristorante del Sole, parlando anche delle cinque idee programmatiche su cui si dibatterà a Pastorano.

    Un venerdì e un sabato di puro divertimento, in cui, a quanto risulta dalle ultime notizie, il presidente del Consiglio regionale, Paolo Romano, e anche il sindaco di Mondragone, Giovanni Schiappa,il quale ha capito che se continua a fare il “macho” con Landolfi, non mangerà il panettone da primo cittadino, non saranno presenti né al Crowne Plaza, né al ristorante del Sole.

    Insomma, cronaca di un partito spappolato.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 4 ottobre 2012 ALLE ORE 16:43