Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    IL PUC DEI SOGNI DI CASTEL VOLTURNO – Come era facilmente prevedibile, ulteriore rinvio dell’incontro tra tecnici. La lettera di VILLANO


      Per l’esponente dell’Udc: Il pomo della discordia è sempre lo stesso “l’eccessivo carico urbanistico” che insiste sul territorio    LA LETTERA – CASTEL VOLTURNO - Spett.li organi di stampa credo importante segnalarvi che l’incontro informale in Provincia di Caserta di martedì 14/12 presso l’ufficio del dirigente del servizio Urbanistica arch. Angelo Michele Fracassi in cui erano convenuti l’Arch. […]

    nella foto, Arturo Villano

     

    Per l’esponente dell’Udc: Il pomo della discordia è sempre lo stesso “l’eccessivo carico urbanistico” che insiste sul territorio 

     

    LA LETTERA – CASTEL VOLTURNO - Spett.li organi di stampa credo importante segnalarvi che l’incontro informale in Provincia di Caserta di martedì 14/12 presso l’ufficio del dirigente del servizio Urbanistica arch. Angelo Michele Fracassi in cui erano convenuti l’Arch. Ferdinando De Blasio progettista del PUC incaricato dal comune e l’arch. Bonaventura Pianese dell’ufficio tecnico del comune di Castel Volturnosi si è concluso con un ulteriore rinvio al fine di acquisire ulteriore documentazione da allegare agli atti.

    A detta dei tecnici del settore e del sottoscritto vi sono fortissime perplessità che il PUC possa vedere la definitiva approvazione prima che la commissione straordinaria lasci il suo incarico e subentri una amministrazione politica la quale sicuramente avrà maggiori difficoltà di una amministrazione straordinaria ad adottare lo strumento urbanistico.

    Il pomo della discordia è sempre lo stesso “l’eccessivo carico urbanistico” che insiste sul territorio di Castel Volturno che dovendo rientrare nei parametri dei piani regionali e provinciale impone di scegliere ciò che, anche realizzato in assenza o in difformità del titolo abilitativo edilizio, possa essere condonato e ciò che debba essere abbattuto.

    Ritengo che la commissione straordinaria abbia una occasione unica e irripetibile per dotare il comune di Castel Volturno di un seppure minimo strumento urbanistico da cui far partire il recupero del territorio.

    E’ inaccettabile che la commissione straordinaria non abbia fatto nulla negli ultimi due anni al fine poi di lasciare una eredità ingestibile ai futuri amministratori.

     

    Ing. Arturo Villano

    UDC di Castel Volturno

    PUBBLICATO IL: 12 dicembre 2013 ALLE ORE 12:55