Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GRAZZANISE/ Il monito di Senso Civico alla terna commissariale: “Che non cadano più pali della luce!”


        Il comitato ha richiesto alla triade commissariale, che guiderà il comune per almeno 18 mesi, di provvedere a garantire le condizioni essenziale della qualità della vita COMUNICATO STAMPA - Grazzanise ha iniziato un nuovo corso con la “terna” commissariale. Si tratta di un dato incontrovertibile, almeno dal punto di vista cronologico. Il Comitato […]

     

     

    Il comitato ha richiesto alla triade commissariale, che guiderà il comune per almeno 18 mesi, di provvedere a garantire le condizioni essenziale della qualità della vita

    COMUNICATO STAMPA - Grazzanise ha iniziato un nuovo corso con la “terna” commissariale. Si tratta di un dato incontrovertibile, almeno dal punto di vista cronologico. Il Comitato conosce  bene quali siano alcune difficoltà ataviche del nostro paese e quante esangui siano le casse comunali.  Il Comitato sa anche che da noi il reddito pro capite dei cittadini è ridotto al lumicino e che la disoccupazione giovanile si coniuga a due cifre, verso l’alto. Ora è chiaro che nei 18 mesi (o due anni), entro i quali la Commissione gestirà questo paese per ristabilire la legalità, noi  attendiamo un segno di discontinuità e di attenzione, specie per le politiche sociali e per le infrastrutture essenziali primarie (non le grandi opere).

    Il paese vuole apprezzare l’attività della Commissione e vuole osservarne i frutti, alla  luce delle professionalità che giungono al comune che, assieme al bagaglio di competenze, recano naturalmente un aggravio economico. E così, senza andare troppo in avanti, (non siamo velleitari, ma semplicemente chiari) attendiamo che non cadano più i pali di luce, visto che nei giorni scorsi è caduto il terzo. Ricordiamo che affrontammo il problema a fine 2010 senza risultati e neanche una risposta (ma quelle non sono mai giunte su nessuna questione sollevata). Attendiamo interventi rapidi per migliorare  la segnaletica stradale ed esigere il rispetto del codice della strada, evitando la sosta selvaggia e i rischi e i pericoli che essa  comporta per l’incolumità dei cittadini. Attendiamo, con la primavera inoltrata, che si proceda almeno ad una disinfestazione finalizzata a controllare il proliferare delle zanzare. Attendiamo una derattizzazione ed una sanificazione delle fogne, ricettacolo di ratti di ogni  dimensione e attendiamo che si  collochino le pensiline per le fermate degli autobus, ora, prima che inizi il prossimo anno scolastico.

    A proposito di pensiline, anzi di pensilina: vi appare verosimile che un intreccio burocratico, fatto di un ping pong deprimente tra alcuni pezzi di istituzioni ci abbia impedito di realizzare quella antistante la scuola primaria di Via Diaz (ne avremmo curato noi anche economicamente la costruzione), costringendo i bambini ad accedere alla scuola sotto l’acqua? E’ possibile fare demagogia su questo? C’è il bene comune, che viene prima di tutto e di tutti. Ebbene, in questa attesa, manifestiamo alla Commissione  tutto il nostro sostegno e l’incoraggiamento e diciamo, però,  che sarà poi legittimo attendere i risultati. Il paese va governato e vanno  garantite le condizioni essenziali della qualità della vita. Abbiamo fiducia nella  Commissione Straordinaria. Essa rappresenta lo Stato e vuole ristabilire la legalità  che appare violata.

    Ora c’è la Commissione. Da essa attendiamo il vero volto dello Stato: quello che si preoccupa del bene di tutti. Ed è il bene al quale noi teniamo più caramente.

    PUBBLICATO IL: 13 maggio 2013 ALLE ORE 23:17