Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    GRAZZANISE. LE FASI ALTERNE DEL PD: si bisticcia (politicamente) e si fa la pace, si bisticcia e si fa la pace… E ancora una volta pace fu


    Abbate sosterrà Civati. Teresa Cerchiello dovrebbe appoggiare l’area Renzi e il resto del Pd (Parente ed ex raimondiani), invece,  Cuperlo. E proprio tra la giovane democrat di Brezza e il presidente della commissione provinciale di garanzia, a quanto pare, incomprensioni azzerate GRAZZANISE – Comprendere le dinamiche interne del Pd è missione assai ardua. Avevamo lasciato […]

    Nella foto Cerchiello, Abbate, Parente e D’Abrosca

    Abbate sosterrà Civati. Teresa Cerchiello dovrebbe appoggiare l’area Renzi e il resto del Pd (Parente ed ex raimondiani), invece,  Cuperlo. E proprio tra la giovane democrat di Brezza e il presidente della commissione provinciale di garanzia, a quanto pare, incomprensioni azzerate

    GRAZZANISE – Comprendere le dinamiche interne del Pd è missione assai ardua. Avevamo lasciato il circolo Iotti con una frattura verticale, abbastanza profonda: Cerchiello e Abbate da un lato e il resto del Pd dall’altro.

    Avevamo ipotizzato anche la possibilità al prossimo congresso di due liste, e a quell’ipotesi c’era stata un’istantanea rassicurazione rilasciata,  ad un altro quotidiano locale, proprio da chi aveva sostenuto, durante la competizione Vitale vs Roseto, la giovane Teresa Cerchiello: in assemblea cittadina, così è stato scritto, ci sarà la lista unica.

    E si sa, quando arriva la sconfessione, di solito, è perché è stato fatto centro (anzi, era stato fatto centro…). A dire il vero quella rassicurazione sull’unicità della lista per il congresso l’avevamo ritenuta  politicamente corretta, dato che c’era un accordo pregresso che aveva ridato serenità al Pd, quindi non farla avrebbe significato patrocinare esplicitamente una rottura. Questo, ne siamo convinti, era il senso e l’intento di quella precisazione.  Oggi, invece, la situazione è radicalmente mutata.

    Nella riunione di ieri dei democrat grazzanisani si sarebbe delineato l’appoggio di Abbate a Civati, di Paolo Parente ed ex raimondiani a Cuperlo e di Teresa Cerchiello a Renzi. Oltre alla determinazione della geografia politiche locali in vista della competizione nazionale, a quanto pare, però, dobbiamo dare ai lettori un’altra informazione.

    In questi mesi abbiamo raccontato dei tanti scontri consumatisi all’interno del circolo Iotti e delle tante conseguenziali riappacificazioni. Si bisticciava (logicamente sempre in campo politico) e si faceva la pace, si bisticciava e si faceva la pace… Abracadabra, anche questa volta, fortunatamente, armistizio è stato. Ed infatti, tra Cerchiello e Paolo Parente  le incomprensioni , come d’incanto, si sarebbero accantonate: adesso tutto apposto, tutto ok, si va avanti, e quell’accordo che dovrebbe prevedere Pasquale D’Abrosca segretario e Cerchiello vice ha ripreso vita.

    Non sappiamo, adesso, quando questa riappacificazione possa essere stata dettata anche da doverosi e mai premature scelte amministrative.

    Prima o poi Grazzanise sarà richiamata a scegliere un’amministrazione, a votare, con la doppia preferenza (maschietto –femminuccia,  una lista, una lista che dovrà essere composta almeno da 3 donne…

    Sia chiaro: ben vengano le “paci”, ma se gli armistizi rappresentano il costo di queste tiritere, di queste strategie troppo politicanti (distanti dal polso del popolo),all’elettorato del Pd grazzanisano andrà bene?

    Giuseppe Tallino

    PUBBLICATO IL: 16 novembre 2013 ALLE ORE 16:57