Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    FALCIANO – Museo civico e cultura negata, Prata dichiara guerra all’esecutivo Gabbiano


      Si discute su come utilizzare realmente la struttura  FALCIANO DEL MASSICO - Continuano a piovere attacchi sull’amministrazione comunale Gabbiano. Qualche perplessità è scaturita dalle parole proferite dal funzionario comunale Vitale che ha accusato l’esecutive di non essere rispettoso dei principi della  trasparenza e dell’equità nella gestione del personale e delle risorse di produttività. A […]

    Nella foto, Igor Prata

     

    Si discute su come utilizzare realmente la struttura 

    FALCIANO DEL MASSICO - Continuano a piovere attacchi sull’amministrazione comunale Gabbiano. Qualche perplessità è scaturita dalle parole proferite dal funzionario comunale Vitale che ha accusato l’esecutive di non essere rispettoso dei principi della  trasparenza e dell’equità nella gestione del personale e delle risorse di produttività. A rincarare la dose ci ha pensato, oggi, Igor Prata di Falciano Futura, che ha rivendicato l’impossibilità  dividere le politiche di utilizzo dei beni immobili pubblici dalle politiche giovanili, quando proprio i giovani hanno bisogno di luoghi per la cultura.

    Secondo Prata l’amministrazione targata Gabbiano “non riconosce”  queste esigenze e fa l’esempio della vicina Carinola dove al Palazzo Novelli si sta vivendo un’esplosiva attività culturale grazie agli “Amici della Biblioteca”, cui sono stati affidati da tempo i locali del prestigioso immobile catalano, e dove si vive, grazie ai ragazzi dell’associazione, un intenso e giovanile fervore culturale.

    Lo stesso esponente politiche al riguardo precisa:”l’Amministrazione targata Gabbiano non conosce e non riconosce  queste esigenze. Non è al corrente dei giovani e delle loro esigenze. E non coglie, perché non la vede, l’occasione di rifunzionalizzare in tal senso un edificio come quello che continua a chiamarsi “Museo Civico”, non si sa perché. Forse perché ogni museo che vuole chiamarsi tale deve avere un direttore, e il Museo Civico di Falciano un direttore effettivamente lo ha, e molto vicino all’amministrazione stessa. Che tristezza vedere sottoutilizzati degli spazi sicuramente adeguati per farne un moderno spazio con accessi multimediali, con sale di lettura, con aree di apprendimento, con biblioteca. Che tristezza sapere che vi sono tanti giovani, a Falciano, che saprebbero – loro solamente, i giovani – far vivere quel centro che sembra assopito nella stanchezza di un modello di gestione assolutamente superato”.

    Antonio Caputo

    PUBBLICATO IL: 8 gennaio 2014 ALLE ORE 18:24