Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA/ Udc, il fuoco cova sotto la cenere. Mondragone, Rocco e Menditto vogliono un posto in giunta provinciale


        Nel primo caso la rivendicazione poggia su un buon risultato elettorale che il partito ha ottenuto, negli altri casi su una contestazione, relativa alla poca consistenza politica degli assessori che Zinzi attualmente detiene in giunta.   CASERTA – La delusione elettorale è stata cocente, ma lo stile di famiglia ha fatto in modo che anche […]

    Nella foto Rocco, Federico e Menditto

     

     

    Nel primo caso la rivendicazione poggia su un buon risultato elettorale che il partito ha ottenuto, negli altri casi su una contestazione, relativa alla poca consistenza politica degli assessori che Zinzi attualmente detiene in giunta.

     

    CASERTA – La delusione elettorale è stata cocente, ma lo stile di famiglia ha fatto in modo che anche le analisi successive non si venassero di polemiche foriere di contrapposizioni o addirittura di abbandoni del partito.

    A Zinzi padre e a Zinzi figlio non fa difetto il fair play, ma a più di uno, nel partito, soprattutto a quelli che hanno profuso maggiore impegno in campagna elettorale e che hanno ottenuto nell’urna un risultato positivo, avrebbero desiderato meno fari play ma qualche riconoscimento in più, e quando nell’Udc si parla di riconoscimenti ci si riferisce ad  una visibilità di governo nella giunta provinciale, in cui il presidente Zinzi ha inserito molte persone di sua strettissima osservanza, ma che certo non sembrano aver contribuito in maniera gagliarda all’ottenimento di un buon risultato elettorale alle ultime politiche.

    Ci sono, invece, territori, come quello di Mondragone che hanno dato  all’Udc percentuali pari o superiore a quelle raccolte nella città capoluogo o complessivamente su scala provinciale, che ritengono di avere giuste ragioni per rivendicare e ottenere uno spazio in considerazione del fatto che del partito di Zinzi fanno parte ben due consiglieri provinciali di Mondragone: Camillo Federico e Lavanga.

    Ma non sono solo i mondragonesi a chiedere spazi di visibilità. Istanze arrivano anche da luoghi, dove l’Udc non ha ottenuto un gran risultato. Vuole un posto in giunta, per esempio, il consigliere provinciale di Sessa Aurunca Giuseppe Rocco. E lo vuole finanche il consigliere provinciale  Luigi Menditto, il quale, certo, non può mettere sul tavolo un buon risultato positivo sulla piazza di Aversa dove l’Udc è andato, obbiettivamente, malissimo.

    Ma il ragionamento che fanno gente come Rocco e Menditto è il seguente: noi non siamo in grado di far crescere il partito se Zinzi tiene in giunta questi assessori. E’ un po’ come il gatto che si morde la coda. Come andrà a finire? Noi un’idea ce l’abbiamo ma non ve la diciamo.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 6 aprile 2013 ALLE ORE 19:26