Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA – Pasquale Vitale che ha tradito il “papa”, viene nominato dal “vice papa” capo dipartimento della segreteria generale della Regione Campania


      Una nomina pesantissima, sicuramente ispirata da Paolo Romano. Avrà potere assoluto sul Patrimonio, sul Bilancio e sul Personale.   CASERTA -Da anni mi chiedo e ci chiediamo quali siano le qualità di Pasquale Vitale, di nobile schiatta politica ma che certo quando ci parli, tutto sembra, fuorché un fulmine di guerra. Eppure, questa qua […]

     

    Nella foto, da sinistra, Paolo Romano e Nicola Cosentino

    Una nomina pesantissima, sicuramente ispirata da Paolo Romano. Avrà potere assoluto sul Patrimonio, sul Bilancio e sul Personale.

     

    CASERTA -Da anni mi chiedo e ci chiediamo quali siano le qualità di Pasquale Vitale, di nobile schiatta politica ma che certo quando ci parli, tutto sembra, fuorché un fulmine di guerra.

    Eppure, questa qua ha raccattato una serie di incarichi di grande rilievo che hanno ingrossato un suo portafogli in misura esponenziale.

    In principio furono Nicola Cosentino, il simpatico e molto più preparato intelligente di quanto il sottoscritto ha pensato, per anni, che fosse Michele Izzo a coinvolgerlo nel loro gruppo. Quando l’ex leader regionale e provinciale di Forza Italia era in auge e aveva nell’allora ministro Marzano il suo riferimento di agevole disponibilità, Pasquale Vitale svolse addirittura la funzione di direttore generale nel ministero che allora si chiamava alle Attività Produttive.

    Fu un periodo complicato per Vitale il quale rimase coinvolto anche in una vicenda giudiziaria non certo edificante, collegata a finanziamenti erogati per un centro commerciale mai nato. Per quella storia, il nostro fu inquisito e rischiò anche l’arresto, che era stato chiesto dalla Procura della Repubblica, ma che fu rigettato dal giudice per le indagini preliminari.

    Vitale, deve avere di sè la seguente idea: si considera un freddo burocrate. Uno che si esalta davanti ad una delibera, ad una determina a una raccolta complessa di leggi, nella quale trovare il cavillo giusto. Lì, non ce ne voglia Vitale, lui, letteralmente, si arrapa.

    Il cuore, invece, è un’altra cosa. E d’altronde non gli si può dar torto, perchè lui non si è mai sentito parte di una squadra, ma ha nutrito un sentiment totalmente ripiegato su sè stesso, nonostante che il suo esercizio abbia sempre avuto l’impronta di una servizievole disponibilità verso il politico che lo poteva gratificare.

    E allora, come si dice: morto un papa se ne fa un altro. E se poi questo altro è stato per anni il vice papa che ha gufato, e non poco, sul papa, tanto meglio.

    Sapete a cosa è servita tutta questa lunga premessa? A fornire subito una chiave di lettura alla notizia che il signor Pasquale Vitale è diventato, da qualche giorno, direttore del dipartimento amministrativo della segreteria generale del Consiglio Regionale con tre deleghe pesatissime: Personale, Bilancio e Patrimonio. Tre deleghe delicatissime esposte anche al rischio di poter essere utilizzate, non certo da Vitale, per carità, non ci permetteremmo mai, per scopi elettorali. E’ chiaro che una nomina di questo tipo, voluta e fatta in pratica dal “vice papa” Paolo Romano si presta, quando mancano 10 mesi dalle elezioni europee, a delle malevolenze, a nostro avviso, ingiustificate, fino a prova contraria.

    Chi può dire, infatti, a Caserta che Pasquale Vitale non sia un personaggio integerrimo, dedicato al dovere di servire lo Stato e gli enti a questo sottordinati? Chi può dire che Pasquale Vitale non ha seguito sempre la strada rettilinea delle procedure, collegando il suo agire alla stella polare della legge applicata sic et simpiciter? Chi può dire a Caserta che Pasquale Vitale abbia fatto combriccola con strani faccendieri, persone che pensano di poter costruire il danaro dalla zecca dei propri ingegni trastolanti?

    Faccio come ( absit iniuria verbis ) la parte del prete in una cerimonia nuziale: “Chi sa o conosce qualcosa, lo dica adesso o taccia per sempre.”

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 24 luglio 2013 ALLE ORE 11:37