Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA – Ora devono vedere come farsi schifare subito dai giovani dei club. “Little meatball” Cesaro viene a Caserta per dare un’occhiata e si becca uno “sfessati” da D’Anna


        La riuscita manifestazione di ieri, all’hotel Plaza, ha vissuto anche diversi siparietti legati alla battaglia sul nuovo coordinatore regionale. “Caminetto” anche per Aversa, ma di questo scriveremo più tardi a parte   Caserta – Diverse centinaia di giovani presenti ad una manifestazione politica costitutiva di un movimento guidato da un quasi ottantenne è […]

     

    Nella foto: la convention di ieri all’hotel Plaza

     

    La riuscita manifestazione di ieri, all’hotel Plaza, ha vissuto anche diversi siparietti legati alla battaglia sul nuovo coordinatore regionale. “Caminetto” anche per Aversa, ma di questo scriveremo più tardi a parte

     

    Caserta – Diverse centinaia di giovani presenti ad una manifestazione politica costitutiva di un movimento guidato da un quasi ottantenne è un fatto interessante di per se, al di là e al di fuori di ogni valutazione politica, ideologica o di gusto.

    Hanno stipato in ogni ordine di posti una delle sale più grandi dell’hotel Plaza, ieri, i formatori e i componenti dei Club Forza Silvio. E’ stato l’aspetto positivo della giornata dei berlusconiani casertani, che farebbero bene però a nascondere con molta attenzione le solite guerricciole di potere che si stanno sviluppando anche in queste ore tra Roma, Napoli e Caserta.

    Qualcosa hanno ascoltato ieri nell’intervento del simpatico e sempre pungente Enzo d’Anna, il quale non ha certo mandato a dire ad Armandone Cesaro, figlio di Giggino “Meatball” Cesaro cosa pensava dell’operazione che lui, il suo papà, la Carfagna, Calforo e Paolo Russo stanno organizzando per impossessarsi della carica di coordinatore regionale, utilizzando la faccia teoricamente spendibile, ma sostanzialmente non autonoma del sindaco di Ischia e senatore De Siano.

    “Quattro sfessati”: così li ha coloritamente definiti, d’Anna, che quando parla così naif, si fa apprezzare molto di più da noi di quando si inerpica nei sentieri impervi del latinorum.

    “Quattro sfessati”, riferendosi proprio a questo gruppo di potere che fa riferimento a Lugi Cesaro. Nel suo intervento, d’Anna, non ha declinato le generalità degli “sfessati”, ma Armandone “little meatball” se l’ è presa non poco.

    Insomma, questo è il clima che si respira in vista di una nomina di un coordinamento regionale che, stando alle notizie che arrivano da Roma, ma il quadro può cambiare sempre, anche in queste ore, è una partita rinviata a gennaio, nel momento in cui Berlusconi ha capito che in Campania, ma anche e soprattutto in altre regioni, quali la Lombardia, il Lazio e la Puglia, è in atto una vera e propria guerra di bande che i ragazzi dei Club, quelli di Caserta, ma anche quelli di tutta Italia, farebbero bene a non incrociare, visto che si rischia di perderne subito una grossissima fetta. E forse questo Berlusconi non se lo può consentire, al punto che potrebbe fare veramente piazza pulita.

    A margine della convention di ieri sera, si è svolta anche una riunione tra lo stesso Enzo d’Anna, Pasquale Giuliano, i 2 assessori ex Pdl del comune di Aversa e 5 consiglieri comunali, sempre nella città normanna.

    Ma questa è un’altra storia, a cui dedicheremo, già oggi pomeriggio, domenica, un articolo a parte.

    G.G.

    PUBBLICATO IL: 22 dicembre 2013 ALLE ORE 13:34