Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MONDRAGONE – Petrella si tira fuori dal ribaltone Schiappa Cennami, e attacca il leader del Pd “Non dialogherò mai con lui”. Maggioranza di nuovo in affanno


      L’ex assessore  non condivide il contenuto di un volantino e si scaglia contro l’ex primo cittadino ritenendolo non idoneo a “svecchiare la classe politica”. Si attende il colpo di scena in Consiglio MONDRAGONE – La storia si ripete. Quando a Mondragone si vivono momenti di intensa attività politica e di pulsanti tensioni amministrative, ecco […]

    Nelle foto, da sinistra, Claudio Petrella, Giovanni Schiappa e Achille Cennami

     

    L’ex assessore  non condivide il contenuto di un volantino e si scaglia contro l’ex primo cittadino ritenendolo non idoneo a “svecchiare la classe politica”. Si attende il colpo di scena in Consiglio

    MONDRAGONE – La storia si ripete. Quando a Mondragone si vivono momenti di intensa attività politica e di pulsanti tensioni amministrative, ecco che ci scappa il volantino e qualche volta anche la vignetta selvaggia.

    Stamane, sabato è stato distribuito un volantino sull’accordo “alla luce del sole” tra Pd e Pdl. Il leader della lista Liberi e Democratici, Claudio Petrella non ne ha condiviso il contenuto, come non condivide le ragioni dell’accordo e ha deciso al riguardo di contattarci e di rilasciarci una dichiarazione spontanea, che alla vigilia del consiglio comunale, che si terrà stasera, assume i contorni di una vera e propria “trave di fuoco” contro il supporter politico del ribaltone mondragonese, Achille Cennami.

    Petrella è stufo di apprendere notizie nelle quali viene raffigurato come colui che si è dimesso per facilitare l’accordo Cennami – Schiappa. E’ deluso per quanto accaduto e si tira fuori dai giochi dell’inciucio Pd-Pdl.

    Lo spiritio di servizio e la passione politica che hanno animato in questi anni l’impegno politico verso la mia città, per il quale ho sempre accettato in maniera pacata e serena qualsiasi critica o giudizio politico, è stato calpestato da chi, da ultimo “vecchio” della politica locale (ero un bambino quando già sedeva nei banchi del Consiglio comunale), parla di svecchiamento e rinnovamento nei confronti di giovani consiglieri ed assessori“.

    Petrella quindi attacca Cennami e non lo configura come colui che può svecchiare la classe politica di Mondragone, anzi annuncia anche che non dialogherà assolutamente con lui.

    Voglio ribadire le mie dichiarazioni rilasciate a voi qualche giorno fa all’atto delle mie dimissioni al fine di chiarire la mia posizione ed evitare quel gioco al massacro che leggo su internet anche nei miei confronti. Non consento a nessuno di calpestare la mia dignità, prima personale e poi politica. Ho deciso e lo ribadisco di stare fuori e non sono responsabile di quanto sta avvenendo e di quanto riportato in questo volantino, di cui ho appreso la notizia dalla stampa, relativo all’accordo alla “luce del sole” del Pd-Pdl. Non dialogherò mai con il dott. Cennami“.

    Poi con amarezza, l’ex assessore sottolinea nel suo fraseggio un concetto politico nel quale si percepisce labilmente la sua rabbia per un accordo che ha prodotto un vero e proprio ribaltone politico. Petrella non usa il termine ribaltone ma gioca sul sugli eventi. Un anno fa era stato lui a battere Cennami, oggi Cennami si prende una rivincita con lui, ovviamente, il tutto senza interpellare gli elettori.

    In politica – conclude Petrella – si può vincere e si può perdere e chi fa politica lo sa. Un anno fa ho vinto nei suoi confronti, oggi si riprende la rivincita. Auguro ogni bene alla mia città, per la quale provo profondo amore”.

    A questo punto ci si chiede: stasera siamo sicuri che Iandico sosterrà la maggioranza? Si annuncia un Consiglio comunale senza esclusioni di colpi.

    Massimiliano Ive

    PUBBLICATO IL: 25 maggio 2013 ALLE ORE 12:21