Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva / Mondragone – La minoranza impugna gli atti del Consiglio comunale dopo l’Aventino e invoca l’intervento della prefettura. TUTTI I NOMI DEI MEMBRI DELLE COMMISSIONI


      Questa sera alle 21 presso la sede del Pd conferenza stampa dei consiglieri di opposizione con le forze politiche esterne al civico consesso per contestare l’operato di Schiappa. Federico: “Non hanno avuto nessun rispetto formale del regolamento consiliare, rispetto alle richieste della minoranza”.  Intanto il presidente Marquez proclama i consiglieri nominati nelle 3 commissioni […]

     

    Nelle foto, da sinistra, i consiglieri comunali del Pdl e l’assessore Nazzaro con il presidente del Consiglio Pasquale Marquez

    Questa sera alle 21 presso la sede del Pd conferenza stampa dei consiglieri di opposizione con le forze politiche esterne al civico consesso per contestare l’operato di Schiappa. Federico: “Non hanno avuto nessun rispetto formale del regolamento consiliare, rispetto alle richieste della minoranza”.  Intanto il presidente Marquez proclama i consiglieri nominati nelle 3 commissioni consiliari

    Mondragone – Quello che è accaduto ieri, nel civico consesso mondragonese rientra nella normale attività di confronto e di scontro politico tra la maggioranza e la minoranza, tra l’organo politico deputato a governare la città e quello deputato, invece, al controllo dell’attività amministrativa.

    Già alcuni giorni prima del secondo Consiglio comunale, che si riuniva dopo 4 mesi da quello tenutosi per l’insediamento dei consiglieri stessi e della nuova giunta , fu lo stesso consigliere Mario Fusco ad annunciare un possibile Aventino della minoranza proprio sulla questione delle modifiche regolamentari e sulla costituzione delle commissioni consiliari.

    Ieri si è concretizzato realmente il proposito politico di abbandonare l’aula sulla richiesta di inversione degli argomenti posti all’ordine del giorno.

    Al riguardo, il consigliere Udc, Camillo Federico, raggiunto telefonicamente, stamane, giovedì 18 ottobre, ha commentato così la decisione di abbandonare l’aula: “E’ nelle prerogative del presidente del Consiglio, Pasquale Marquez, su richiesta dei consiglieri comunali, invertire l’ordine del giorno degli argomenti posti in discussione, quando sussistono mozioni o interpellanze e casi tassativi che vanno discussi prima o hanno la priorità rispetto ad argomenti o questioni che non sono considerati dallo Statuto e dal regolamento consiliare, appunto, tassativi.

    A questo punto – continua Federico – visto il comportamento assunto dal sindaco Schiappa e dalla maggioranza di non prendere sul serio e nemmeno in considerazione le istanze della minoranza, abbiamo abbandonato l’aula”.

    Di fronte a questo scenario politico, possiamo tranquillamente scrivere che la minoranza si presenta ormai compatta nelle decisioni che si devono prendere in Consiglio comunale. Nella maggioranza, invece, la defezione del consigliere Napolitano, concretizza, invece, il rischio per la giunta Schiappa, di trovarsi in futuro, sotto o con l’impossibilità di raggiungere il numero legale, nel momento in cui dovessero, improvvisamente, verificarsi delle diserzioni o dei “mal di pancia” tra i membri della maggioranza.

    Dopo alcuni minuti di pausa il Consiglio comunale ha ripreso i propri lavori, nonostante i banchi dell’opposizione fossero vuoti. Il numero legale è stato garantito dalla presenza dei consiglieri Luigi Mascolo e Giuseppe Piazza, che a differenza del socialista Agostino Napolitano, erano presenti e hanno continuato a seguire i lavori del consesso.

    Innanzi a questo scenario politico, che è culminato anche con la composizione delle commissioni consiliari, quelli del Pd, dell’Udc e di Idv, rappresentati nel civico consesso da Mario Fusco, Emilio Martucci, Achille Cennami, Camillo Federico, Alessandro Pagliaro, Francesco Supino, hanno deciso di riunirsi stasera, giovedì, alle 21.00, in una conferenza stampa, presso la sede del Pd di Mondragone, assieme alle forze politiche di opposizione non presenti in Cosniglio comunale, per annunciare il loro ricorso alla prefettura di Caserta contro le decisioni assunte negli ultimi due consigli comunali, nonchè per impugnare (sotto il profilo e l’aspetto della legittimità) tutti gli atti approvati, trascritti e verbalizzati nelle rispettive sedute consiliari.

    Intanto, grazie al presidente del Consiglio Pasquale Marquez, siamo in grado di pubblicare anche la composizione delle 3 nuove commissioni consiliari:

    PRIMA COMMISSIONE: Territorio, Urbanistica, Lavori Pubblici

     

    Giuseppe Piazza

    Agostino Napolitano

    Achille Cennami

    Camillo Federico

    Antonio Pagliaro

     

    SECONDA COMMISSIONE: Politiche sociali, giovanili e istruzione, turismo, cultura e sport

     Fabio Gallo

    Giuseppe Verrengia

    Mario Fusco

    Emilio Martucci

    Daniela Lumia

     

    TERZA COMMISSIONE: Attività economiche, bilancio, programmazione economica, affari generali, Statuto

    Alessandro Pagliaro

    Giuseppe Iandico

    Francesco Supino

    Michele Conte

    Luigi Mascolo

     

    Massimiliano Ive

    PUBBLICATO IL: 18 ottobre 2012 ALLE ORE 11:18