Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MONDRAGONE – I consiglieri del Pdl ascoltati, uno alla volta, nel “confessionale” di don Marcello Di Caterina. Assente Nitto Palma


      Le domande proposte dal supervisore del coordinatore regionale del partito hanno spaziato dai litigi postumi la vittoria elettorale, alla politica dei volantini selvaggi sino al ribaltoni consumatosi nell’ultimo consiglio comunale MONDRAGONE – “Vieni avanti fratello… da quanto tempo non ti confessi… che hai fatto a Mondragone?… Hai litigato col tuo amico di partito? Hai […]

    Nelle foto, Marcello Di Caterina, Giuseppe Piazza, Giovanni Schiappa, Mario Landolfi, Nitto Palma e Daniela Nugnes

     

    Le domande proposte dal supervisore del coordinatore regionale del partito hanno spaziato dai litigi postumi la vittoria elettorale, alla politica dei volantini selvaggi sino al ribaltoni consumatosi nell’ultimo consiglio comunale

    MONDRAGONE – “Vieni avanti fratello… da quanto tempo non ti confessi… che hai fatto a Mondragone?… Hai litigato col tuo amico di partito? Hai onorato il tuo sindaco?” Non sono le frasi pronunciate dal supervisore di Nitto Palma sul caso Mondragone, Marcello Di Caterina, ma poco ci è mancato che a Napoli i consiglieri comunali del Pdl fossero ascoltati in un vero e proprio “confessionale di partito”.

    Come avevamo annunciato giorni fa, il supervisore Di Caterina, ha invitato, per questo pomeriggio,  venerdì, a Napoli, al termine di una riunione con i consiglieri regionali, tutti i rappresentati consiliari del Pdl della città a piedi del Petrino per ascoltarli e verificare quanto accaduto in un anno in seno allo schieramento di Berlusconi.

    Sono stati sentiti tutti, nessun escluso: Michele Conte, Verrengia, Daniela Lumia, Pasquale Marquez, Giuseppe Piazza, Antonio Pagliaro e Fabio Gallo. Le domande poste da Di Caterina sono state incentrate soprattutto sulle cause dei dissapori e dei litigi politici che hanno contraddistinto l’attività politica del partito dalla vittoria elettorale di un anno fa fino ai fatti dell’ultimo consiglio comunale nel quale si è consumato il ribaltone realizzato assieme al Pd di Achille Cennami.

    Ovviamente nel coacervo dei fatti e delle storie della telenovelas mondragonese del Pdl ci sono ancora le questioni aperte della non ricandidatura di Mario Landolfi, degli attacchi di Schiappa a Daniela Nugnes… ecc, ecc.

    I consiglieri di Mondragone, a dire il vero, prima di entrare in aula e conferire con Marcello Di Caterina, pensavano e immaginavano che il colloquio sarebbe avvenuto alla presenza di Nitto Palma e alla presenza di tutti gli esponenti del parlamentino mondragonese. Invece, gli uomini di Schiappa in Consiglio comunale sono stati chiamati uno alla volta ad entrare nella sala delle confessioni personali.

    All’interno della stanza c’era solo Di Caterina coadiuvato nel lavoro di trascrizione delle confessioni dei consiglieri da un collaboratore. E così uno alla volta i mondragonesi sono stati ascoltati dal supervisore che ora dovrà elaborare un verbale e confrontarsi con i superiori sulle decisioni da prendere per il coordinamento cittadino della località rivierasca.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 14 giugno 2013 ALLE ORE 22:12