Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA MONDRAGONE – BOOOOMMM. Anticipazione di cassa da guinness dei primati. Schiappa e i suoi approvano il limite massimo dei 9 milioni di euro


    Il clima politica diventa rovente dopo la stangata Tares. Il provvedimento approvato in assenza del vicesindaco Barbato MONDRAGONE – La notizia che stiamo per dare è fresca fresca, in quanto solo stamane siamo riusciti ad entrare nel sito del Comune di Mondragone, che per alcuni giorni, nell’area delle delibere di giunta non mostrava alcun documento.  Con […]

    Nella foto: Giovanni Schiappa, sindaco di Mondragone

    Il clima politica diventa rovente dopo la stangata Tares. Il provvedimento approvato in assenza del vicesindaco Barbato

    MONDRAGONE – La notizia che stiamo per dare è fresca fresca, in quanto solo stamane siamo riusciti ad entrare nel sito del Comune di Mondragone, che per alcuni giorni, nell’area delle delibere di giunta non mostrava alcun documento.  Con la delibera di giunta comunale, n. 7 del 14 gennaio, approvata da tutti gli assessori, ad esclusione di Anna Barbato (assente) e dal sindaco Giovanni Schiappa è stata proposta e poi approvata la decisione di aumentare il limite dell’anticipazione di cassa alla ragguardevole cifra di 9.000.000 di euro fino al 31 marzo 2014.

    L’anticipazione è una manovra finanziaria con la quale, si intende fronteggiare lo sfasamento temporale che può verificarsi nei flussi delle spese rispetto a quello delle entrate. Ciò significa che il Comune è costretto a ricorrere ad un “addebito” per poter fronteggiare spese improvvise di varia natura. Questa delibera sarà oggetto nei prossimi giorni di infuocati dibattiti politici…, in un clima già rovente per la vicenda della stangata Tares di Natale.

    Nella delibera si giustifica tale operazione con la seguenti  ragioni: “Considerata la volontà di aumentare tale limite non al suo massimo ma ad 9.000.000 di €;  considerato quindi che è stato individuato in € 6.009.233,01 il valore massimo dell’anticipazione di cassa per il 2014, considerando sia l’utilizzo di fondi vincolati che l’anticipo vero e proprio della Tesoreria, nel caso in cui questi fondi venissero ad essere integralmente utilizzati, con apposita delibera di giunta regolarmente notificata al tesoriere, ma che lo stesso in forza di disposizioni di legge può essere aumentato, fino al 31 marzo 2104 ad € 9.000.000,00; delibera….”

    In poche parole si comprende che la cifra stabilita come limite massimo è quella dei 6 milioni di euro circa, ma poichè la legge lo consente, e poichè sussisterebbero dei fondi vincolati a cui l’Ente non potrebbe ricorrere nell’immediato forse perchè potrebbero essere utilizzati, la giunta ha deciso di andare oltre e raggiungere la quota di addebito a circa 9 milioni di euro.

    Max Ive

    PUBBLICATO IL: 16 gennaio 2014 ALLE ORE 17:34