Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva / La Petrenga telefona a Saggese: “Riporti a Caserta il meeting dell’Agenzia Spaziale Europea”. Ma alla mostra d’Oltremare sono già pronti


      Dopo l’incontro con il ministro Ornaghi, la parlamentare ha contattato, ieri, il capo dell’Agenzia Spaziale Italiana e del Cira. La sensazione è che solo un intervento determinato del Governo possa cambiare le carte di un’organizzazione che per la Reggia, a questo punto, prevederebbe solo una cena di gala. Caserta - Una lunga telefonata, cordiale, […]

    Nelle foto, da sinistra, Enrico Saggese e Giovanna Petrenga

     

    Dopo l’incontro con il ministro Ornaghi, la parlamentare ha contattato, ieri, il capo dell’Agenzia Spaziale Italiana e del Cira. La sensazione è che solo un intervento determinato del Governo possa cambiare le carte di un’organizzazione che per la Reggia, a questo punto, prevederebbe solo una cena di gala.

    Caserta - Una lunga telefonata, cordiale, anche se non ancora decisiva. Enrico Saggese presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana e del Cira di Capua ha avuto, finalmente, la sensazione che Caserta abbia qualcuno che ne rappresenti la voce.

    La sua decisione clamorosa di abbandonare la Reggia come luogo per la celebrazione del meeting dell’Agenzia Spaziale Europea, ha suscitato più di una polemica, ma ha anche stimolato la parlamentare Giovanna Petrenga ad assumere un’iniziativa personale, quando si è resa conto che le istituzioni locali, a partire dal comune di Caserta, al di là di una sequela incontinente di comunicati stampa, non riescono ad andare.

    La Petrenga ha chiamato al telefono Saggese e gli ha chiesto di rivedere la sua decisione di riportare il meeting nella Reggia, informandolo nel contempo dell’incontro che lei ha avuto con il ministro Ornaghi. In verità Saggese dell’incontro sapeva, dato che era stato già contattato dal ministero. Certo cambiare le carte dell’organizzazione di un evento tanto impegnativo è tutt’altro che agevole. Nei giorni scorsi sono saltate fuori notizie su una scelta alternativa a quella della Reggia che avrebbe beneficiato un famoso palazzo di Viterbo: la villa dei Papi.

    In realtà, Saggese sta lavorando e sta definendo l’utilizzo della Mostra D’Oltremare.

    Ha rassicurato la Petrenga sul fatto che la Reggia ospiterebbe dei momenti rappresentativi, dei momenti collegati al protocollo formale come la cena dei partecipanti dei vari governi europei. La Petrenga non si è accontentata e rinnovando nel dialogo con Saggese l’impegno suo per la disponibilità di tutti i locali necessari per una completa esplicazione dei lavori dell’evento, ha di nuovo ribadito a Saggese il proprio invito a ritornare sui suoi passi.

    La situazione non è semplice e si ha la sensazione che solo un intervento diretto, determinato e determinante del Governo possa evitare a Caserta questo smacco, legato, soprattutto ai problemi strutturali del suo massimo monumento, ma anche collegato all’indolenza delle sue istituzioni che, di fronte alle difficoltà congiunturali, non esprimono alcuna capacità di reazione, di compensazione alla carenza di risorse attraverso l’inventiva, attraverso talenti che non abitano in nessuna stanza del Comune di Caserta e della Soprintendenza, attraverso  l’entusiasmo, attraverso l’applicazione materiale ed emotiva da utilizzare come un martello nella risoluzione delle questioni, dei problemi, dei nodi, legati alla grave crisi economica che sta colpendo il paese e che provoca pesantissime ricadute anche qui da noi.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 24 ottobre 2012 ALLE ORE 11:49