Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA, IL RIBALTONE DI MONDRAGONE – Il supervisore di Nitto Palma, Di Caterina convoca tutti i consiglieri del Pdl, ma nel partito regna il caos


      Ci sono troppe questioni da risolvere: il caso Landolfi, la questione Piazza, le benedizioni di Paolo Romano all’inciucio con Cennami del Pd, la revoca del coordinamento cittadino avallata dal vicecoordinatore provinciale del Pdl, Angelo Polverino,  le parole grosse dette alla Nugnes e quelle a Nitto Palma…. le vignette selvagge, i manifesti pro e contro […]

    Nelle foto, Marcello Di Caterina, Giuseppe Piazza, Giovanni Schiappa, Mario Landolfi, Nitto Palma e Daniela Nugnes

     

    Ci sono troppe questioni da risolvere: il caso Landolfi, la questione Piazza, le benedizioni di Paolo Romano all’inciucio con Cennami del Pd, la revoca del coordinamento cittadino avallata dal vicecoordinatore provinciale del Pdl, Angelo Polverino,  le parole grosse dette alla Nugnes e quelle a Nitto Palma…. le vignette selvagge, i manifesti pro e contro Schiappa, ecc, ecc

    MONDRAGONE – La notizia è trapelata da qualche ora e certamente va data con le dovute precauzioni, in quanto in tali frangenti non si sa mai come andrà a finire a Mondragone e in provincia di Caserta.

    L’inviato speciale, il cosiddetto supervisore di Nitto Palma, Marcello Di Caterina, che ha ottenuto il mandato di verificare cosa sia accaduto a Mondragone sin dalla revoca dell’ex coordinatore cittadino, Giuseppe Piazza fino all’inciucio – ribaltone tra la fazione del Pdl rimasta fedele al sindaco Schiappa e quella del Pd di Achille Cennami, avrebbe convocato per venerdì a Napoli  tutti i consiglieri comunali berlusconiani della cittadina ai piedi del Petrino.

    Un atto formale, dischiuso e concretizzato probabilmente a seguito della nota stampa del consigliere Piazza, che qualche giorno fa si chiedeva come mai dopo 13 giorni dalla nomina del supervisore non vi fosse stato alcun confronto per discutere sul caso Mondragone.

    Cosa accadrà venerdì a Napoli?

    1) Piazza, Conte, Lumia, Verrengia, Schiappa, Marquez, Pagliaro e Gallo si accuseranno a vicenda, sollevando forse anche qualche sedia, ma alla fine fumeranno la pipa della pace?

    2) Il Pdl uscirà con le ossa rotte, perchè in questo marasma politico contraddistinto anche da vignette, convention, volantini selvaggi non si riuscirà a superare la spaccatura politica tra Piazza e Schiappa.

    3) Si tenterà di cucire lo strappo, anche se a Mondragone continuerà ad esserci una tregua armata tra Mario Landolfi e Giovanni Schiappa.

    Ebbene sì, perchè nella travagliata vicenda del Pdl di Mondragone c’è anche la questione Landolfi… che si intreccia con gli attriti politici con Angelo Polverino vice coordinatore provinciale del partito, il quale ha avallato la revoca di Piazza dal coordinamento cittadino  proprio durante il periodo della campagna elettorale per il rinnovo del Parlamento, con il sostegno politico di Nitto Palma e della frangia dei fedelissimi di Schiappa-Miraglia.

    In poche parole il caos assoluto, sfociato poi in un inciucio ancora più caotico, benedetto dal presidente del Consiglio regionale Paolo Romano, contraddistinto dal ribaltone messo in cantiere con i nemici storici del Pd di Cennami.

    E le parole grosse dette alla Nugnes dal sindaco Schiappa, e la querela di Landolfi al sindaco… Fermiamoci qui. Venerdì sicuramente ne vedremo, ne sentiremo delle belle.

    Max Ive

     

    PUBBLICATO IL: 12 giugno 2013 ALLE ORE 23:05