Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA / Il piano di Del Gaudio e Polverino per la giunta: fare entrare Palmiero al posto di Mariano, in modo da recuperare in consiglio Gianni Lombardi


      Paolo Marzo non è convintissimo, a sua volta, aspirerebbe a far entrare il fratello, in modo da consentire al suo amico Massimo Russo di diventare consigliere comunale. Ma alla fine Marzo e Palmiero, ormai soci in affari, la quadra la troveranno.  Caserta – Un’idea, Angelo Polverino e Pio Del Gaudio ce l’ hanno sull’identità […]

     

    Nelle foto, da sinistra, Massimiliano Marzo e Massimiliano Palmiero

    Paolo Marzo non è convintissimo, a sua volta, aspirerebbe a far entrare il fratello, in modo da consentire al suo amico Massimo Russo di diventare consigliere comunale. Ma alla fine Marzo e Palmiero, ormai soci in affari, la quadra la troveranno. 

    Caserta – Un’idea, Angelo Polverino e Pio Del Gaudio ce l’ hanno sull’identità della loro giunta comunale dopo le elezioni politiche. D’altronde Polverino ritiene, non a torto, perchè i fatti glielo riconoscono, di essere una macchina da voti qui a Caserta, al di la della sigla politica in cui milita o andrà a militare. Dunque, pensa di poter durare, al di la dell’esito elettorale delle Politiche.

    L’idea è la seguente: in giunta far entrare Massimiliano Palmiero al posto di Mariano, in modo da recuperare un altro consigliere comunale di aria polveriniana, precisamente Lombardi, primo dei non eletti nella lista Pdl. Questo non incrocerebbe perfettamente i desideri del nuovo compagno di avventura di Palmiero, vale a dire Paolo Marzo, il quale, dentro di sè, coltiva la speranza che in giunta ci entri il fratello Massimiliano, in modo da consentire all’ex assessore della giunta Petturuti, Massimo Russo, primo dei non eletti della lista Mpa, di entrare in consiglio. Alla fine, però, Marzo e Plamiero, la sintesi la dovrebbero trovare, in considerazione del fatto che i due, da almeno un anno a questa parte, hanno instaurato un patto di ferro, basato sulla partnership economica, che ha collegato gli affari imprenditoriali, nel settore delle costruzioni della famiglia Marzo, con la fornitura di progettazioni da parte di tecnici amici di Massimiliano Palmiero.

    Tutto questo, fermo restando la posizione in giunta della Ucciero, in quota sindaco e Cosentino. Con l’ingresso di Lombardi, infatti, il gruppo Pdl-Caserta più toccherebbe quota 11,  rendendo più commestibile la rappresentanza di questo partito dentro alle maggiori istituzioni comunali.

    Meglio avere 11 che 10 consiglieri quando si esprime contemporaneamente sindaco, Presidente del Consiglio e, 5 assessori.

    G. G. 

    PUBBLICATO IL: 25 ottobre 2012 ALLE ORE 10:36