Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva / Congresso Pdl, domani, mercoledì a Roma, l’incontro decisivo tra Caldoro, Cosentino e Landolfi. Pronto il controcongresso, ci sarà anche Romano


      Oggi il governatore Caldoro ha incontrato Verdini, ma solo per la questione degli assessori regionali. E proprio la presenza di Caldoro, sabato al ristorante del Sole, darebbe rilievo nazionale a uno strappo epocale Caserta – Siccome il controcongresso del Pdl si svolgerà, come ha rivelato nell’edizione di oggi, martedì, il Mattino, al ristorante del […]

    Nelle foto, da sinistra Stefano Caldoro con Mario Landolfi, e Paolo Romano

     

    Oggi il governatore Caldoro ha incontrato Verdini, ma solo per la questione degli assessori regionali. E proprio la presenza di Caldoro, sabato al ristorante del Sole, darebbe rilievo nazionale a uno strappo epocale

    Caserta – Siccome il controcongresso del Pdl si svolgerà, come ha rivelato nell’edizione di oggi, martedì, il Mattino, al ristorante del Sole di Pastorano, dunque a Catone City, è inutile chiedersi dove sarà sabato mattina, il presidente del Consiglio regionale Paolo Romano.

    E’ chiaro che la scelta della location renda, infatti, bene l’idea di chi abbia organizzato l’evento che servirà a Mario Landolfi, ma soprattutto al governatore Stefano Caldoro e, a questo punto, anche a Paolo Romano, per dire forte e chiaro che loro non riconoscono il congresso provinciale del Pdl, che, contemporaneamente si svolgerà al Crowne Plaza di Caserta.

    Il dato è quasi tratto, quasi, perchè ancora esiste qualche piccolissimo margine di trattativa. Oggi, martedì, Caldoro si è incontrato a Roma con Dennis Verdini per parlare della nomina dei due nuovi assessori regionali. Domani, mercoledì altro incontro a cui dovrebbero essere presenti anche Landolfi, Cosentino, Giuliano e Coronella, per parlare del congresso provinciale, per capire se ci sono ancora dei margini per un epilogo autenticamente unitario.

    Certo, il fatto che sia Verdini a rappresentare il partito nazionale non depone bene, né per Caldoro, né per Landolfi, dato che Verdini è un corpo ed un’anima con Nicola Cosentino. Se Caldoro riuscirà ad investire Alfano nella questione, c’è ancora qualche possibilità di non vedere sconfessate le sue interviste, rilasciate prima al Roma e poi a Il Mattino. Se il capo resterà in mano a Verdini, allora via libera al contro congresso di Catone City, con il governatore ospite e con un probabile sputtanamento nazionale del Pdl.

    Domani è un altro giorno.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 2 ottobre 2012 ALLE ORE 20:00