Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    Esclusiva / Castel Volturno – L’Udc di Villano tenta di recuperare Napoletano e Alfano, prima del congresso. Russo non si sbottona sulla candidatura di Zinzi junior e apre le porte del partito a tutti


    Ieri sera, presso la sezione di Piazza Castello, i militanti di Casini si sono riuniti per chiedere alla segreteria provinciale una data certa per eleggere il nuovo direttivo e il segretario. Assenti Mosvaldo Caterino e Giuseppe Gravante. Ecco tutti gli scenari politici Castel Volturno - All’orizzonte dello scenario politico cittadino vi sono le elezioni politiche […]

    Nelle foto, da sinistra, Rocco Russo, Giacomo Napoletano e Giampiero Zinzi

    Ieri sera, presso la sezione di Piazza Castello, i militanti di Casini si sono riuniti per chiedere alla segreteria provinciale una data certa per eleggere il nuovo direttivo e il segretario. Assenti Mosvaldo Caterino e Giuseppe Gravante. Ecco tutti gli scenari politici

    Castel Volturno - All’orizzonte dello scenario politico cittadino vi sono le elezioni politiche e nel partito dell’Udc provinciale, come in quello di Castel Volturno c’è fermento.

    Per il momento i membri storici della sezione di piazza Castello e alcuni giovani del gruppo non si sono espressi sulle candidature o sulle appartenenze politiche, in quanto il lungo commissariamento  ha pesantemente frenato l’attività del partito in città e i nuovi iscritti, per il momento risulterebbero ancora “vergini” rispetto al presupposto politico delle appartenenze e delle correnti.

    Lo stesso vicecommissario Rocco Russo non si è sbottonato su un possibile appoggio politico alla paventata candidatura del figlio di Mimì Zinzi, vuoi per opportunità politica, vuoi perchè si attende che Giampiero e Domenico Zinzi, contattino loro direttamente i vertici del partito locale in vista delle elezioni per il rinnovo del Parlamento, al fine di concedere in cambio del sostegno elettorale, le dovute attenzioni politiche verso gli iscritti di Castel Volturno e verso l’elettorato Udc della cittadina rivierasca.

    Intenso è stato, invece, il lavoro del consigliere Angelo Consoli sul litorale Domizio, vedi il caso del porto di Pinetamare o quello di Pescopagano. Questo lavoro, dicevamo porterà dei frutti, ma per il giovane rappresentante dell’Udc, Arturo Villano al momento non si registrano tensioni politiche, divisioni interne alla sezione e non si è giunti ancora alla fase “delle appartenenze e delle correnti”.

    Proprio dal giovane Arturo Villano, abbiamo appreso, invece, che è in atto un concreto lavoro di mediazione per incrementare l’organico della sezione dell’Udc di Castel Volturno, recuperando l’ex segretario cittadino Giacomo Napoletano, l’ex consigliere comunale Gennaro Alfano e il gruppo storico del Ccd, prima della gestione commissariale targata Rocco Russo e Guglielmo Morrone.

    Questo tentantivo di creare un centro vario, corposo e variegato sarebbe supportato dall’idea e dal presupposto di dare sostanza al cambiamento e a una nuova gestione politica della città, partendo dall’ottenimento o dall’elezione di rappresentanti politici negli organi istituzionali che contano: “Non basta un sindaco per sciogliere i nodi di questa città” ha precisato Villano.

    Per futili motivi politici, la città di Castel Volturno è caratterizzata da divisioni e scontri personali tra i rappresentanti politici. Questa situazione ha delineato la consuetudine che in consiglio provinciale o in quello regionale venga eletto un rappresentante proveniente da un’altra città. E’ stato, infatti, sempre concesso alla cittadina di Villa Literno di ottenere, con i voti di Castel Volturno, un proprio rappresentante negli organi amministrativi della Provincia. Un esempio è stata l’elezione come consigliere provinciale di Francesco Zaccariello, oggi, addirittura assessore nella giunta di Domenico Zinzi.

    Al di là dello scenario politico provinciale, regionale e nazionale, l’Udc di Castel  Volturno, come ha sostenuto lo stesso Rocco Russo, adesso si dovrà dotare di un proprio direttivo e di un segretario, quindi occorre rapidamente riorganizzare il partito.

    Ieri sera, mercoledì, nella sezione di Piazza Castello, si sono incontrati lo stesso Rocco Russo, Arturo Villano, Leopoldo Cangiano, Antonio Luise, Nicola Oliva, Carlo Nugnes, Nicola Mazzarella, al fine di decidere e richiedere alla segreteria provinciale una data certa, nella quale si dovrebbe tenere il congresso cittadino. Alla riunione non hanno partecipato Mosvaldo Caterino e Giuseppe Gravante. 

    Sulla possibilità di recuperare Giacomo Napoletano e i suoi fedelissimi, Rocco Russo ha ribadito: “Il partito è aperto a tutti! Chi intende iscriversi o aderire può farlo venendo in sezione. Ovviamente per partecipare ai lavori del congresso e del direttivo, occorre che l’adesione venga registrata un mese prima dell’apertura dei lavori del congresso cittadino“.

    Massimiliano Ive

    PUBBLICATO IL: 18 ottobre 2012 ALLE ORE 12:55