Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA CASERTACE Ecco come Romano, Enzo D’Anna, Nitto Palma e Giuliano stanno incastrando Polverino. Caro petite poudre, se non ti svegli, questi ti fanno il culo


    La nomina di Antonella Guida all’Asl di Napoli 1 e quella, seppur irregolare, di Teresa Ucciero a vice coordinatore provinciale del partito fa capire veramente che si è creato un gruppo di potere che comprende D’Anna, Romano, Nitto Palma e Giuliano CASERTA- Nei giorni scorsi si sono registrati due avvenimenti apparentemente scollegati tra loro, apparentemente […]

    Nella foto D’Anna, Romano e Polverino

    La nomina di Antonella Guida all’Asl di Napoli 1 e quella, seppur irregolare, di Teresa Ucciero a vice coordinatore provinciale del partito fa capire veramente che si è creato un gruppo di potere che comprende D’Anna, Romano, Nitto Palma e Giuliano

    CASERTA- Nei giorni scorsi si sono registrati due avvenimenti apparentemente scollegati tra loro, apparentemente autonomi l’uno dall’altro, che, al contrario, sono intimamente collegati e che ci raccontano di un cambiamento improvviso dei rapporti interni e degli equilibri relativi al Pdl casertano. Giovedì pomeriggio, la nomina  a 10 mila euro al mese di Antonella Guida, medico di S.Maria a Vico a direttore sanitario della sterminata Asl Napoli 1.

    Venerdì pomeriggio, solo 24 ore dopo, abbiamo registrato la sorprendente, quand’anche irregolare, quando abbiamo scritto, ieri pomeriggio, sabato, della non tesserata al Pdl Teresa Ucciero, da poco giubilata dalla giunta Polverino-Del Gaudio, alla carica di vice coordinatore provinciale del partito di Berlusconi.

    Possiamo considerare questi due fatti gli elementi principali di un breve ragionamento che contiene, però, anche elementi subordinati che rafforzano ulteriormente la tesi che intendiamo portare avanti.

    Il senatore Enzo D’Anna ha fatto capire che la nomina di Antonella Guida è frutto solo di una decisione assunta dal governatore della Campania Stefano Caldoro, Chiaramente D’Anna non dicce esplicitamente che la Guida sia stata perorata da lui, ma tutto sommato lo fa capire, pendendo ad escludere il solo Paolo Romano da questa operazione.

    D’Anna lo fa perchè, prima di tutto, è un simpatico vanitosone, ma poi anche perché non vuol rendere vistosamente evidente quello che agli occhi del sottoscritto e di Casertace è, al contrario, già evidente da alcuni giorni: e cioè che nel Pdl si è creato un grumo di potere che partendo da Paolo Romano, va a coinvolgere lo stesso Enzo D’Anna, ma anche il coordinatore regionale Francesco Nitto Palma e il coordinatore provinciale Pasquale Giuliano.

    Tutto è finalizzato alle prossime elezioni europee, alle quali Romano punta senza riserve e senza riserbo. Nitto Palma è funzionale, secondo Romano alla designazione della sua candidatura; Enzo D’Anna è funzionale al controllo e alla messa in direzione dei voti nell’ambiente sanitario napoletano che D’Anna conosce bene da presidente regionale di Federlab e che ora conoscerà ancor meglio avendo messo una persona a lui vicinissima al posto di numero 2 dell’Asl Napoli 1. Pasquale Giuliano, invece, è funzionale a raggruppare il consenso della città di Aversa, anche attraverso il sindaco Sagliocco, che con Giuliano e Romano va molto d’accordo, alla causa del politico di Quarto trapiantato a Capua.

    Questo scenario trova immediato riscontro nella nomina della Guida ma anche nella nomina della Ucciero, a sua volta concordata con Romano e Nitto Palma e realizzata, seppur realizzata con grande imperizia da Pasquale Giuliano che non a caso è stato delegato da Nitto Palma.

    E questi sono i fatti principali, poi ci sono quelli straordinari. Soprattutto uno che si è verificato manco a dirlo, ugualmente giovedì, quando si è consumata la nomina di Antonella Guida all’Asl di Napoli ed è stata pianificata quella di Teresa Ucciero in una combinazione spazio temporale che mette, indiscutibilmente in connessione le due operazioni.

    Proprio giovedì sera, infatti, si è svolta, a Caserta, una riunione a cui hanno parteicipato il coordinatore regionale Nitto Palma, il coordinatore provinciale Giuliano e i due sindaci eletti di Maddaloni e di Marcianise Rosa De Lucia e Antonio De Angelis scortato dalla consorte.

    Dopo qualche minuto, a questa riunione si è unito il senatore Enzo D’Anna. Al contrario, non si è visto proprio Angelo Polverino che pur ha molto contribuito alla vittoria di Maddaloni scegliendo insieme al suo amico Carmine Esposito la candiata a sindaco e qualcosa di importante ha fatto anche a Marcianise, se è vero come è vero che una volta toltasi dalla testa la spericolata idea di ricandidare Antonio Tartaglione, ha costruito comunque una lista forte, quella di Marcianise Più che ha ben contribuito alla vittoria di De Angelis.

    Un tale preambolo, una tale analisi e tali conclusioni articolate necessitano di una frase di congedo rapida e spicciativa: caro petite poudre, qui se non ti pari il culo, ti fanno la festa. Ma se te la fanno è anche colpa tua, della tua incapacità di associare l’indubbia abilità che hai nella raccolta del consenso personale, con una visione politica di insieme che, ad esempio, di all’amministrazione comunale di Caserta una qualità maggiore partendo magari da una orgogliosa levata di scudi per evitare lo sperpetuo degli impianti di rifiuti speciali e pericolosi previsto a Lo Uttaro e su cui domani, lunedì, vi daremo altre sconvolgenti notizie.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 23 giugno 2013 ALLE ORE 12:03