Commenti recenti

    CERCA ARTICOLI PER MESE

    Categorie

    ESCLUSIVA CASERTA – Ospedale civile, fiato sospeso per i 100 professori che Bottino dovrà scegliere. Paternosto, uscito dalla porta, potrebbe rientrare dalla finestra


      Ieri, lunedì, sono scaduti i termini per la presentazione delle domande. Più di 500 per insegnare agli studenti universitari la scienza infermieristica, l’ostetricia e la disciplina di tecnico di radiologia CASERTA - Stiamo osservando da lontano con un certo interesse, al punto che da un paio di settimane abbiamo stabilito una sorta di moratoria […]

    Nella foto Bottino, Romano e Paternosto

     

    Ieri, lunedì, sono scaduti i termini per la presentazione delle domande. Più di 500 per insegnare agli studenti universitari la scienza infermieristica, l’ostetricia e la disciplina di tecnico di radiologia

    CASERTA - Stiamo osservando da lontano con un certo interesse, al punto che da un paio di settimane abbiamo stabilito una sorta di moratoria delle notizie relative all’ospedale di Caserta, quello che sta capitando nella vicenda relativa alla selezione di un centinaio di figure professionali, scelte dai ranghi degli infermieri, delle ostetriche e dei tecnici di radiologia, affinché erudiscano, attraverso la loro esperienza e il loro insegnamento gli studenti delle facoltà universitarie che a queste discipline dovranno collegare i propri studi tra una quindicina, ventina di giorni, quando, all’interno dell’ospedale partiranno i corsi.

    Beninteso, non si tratta di una beneficiata: sullo stipendio mensile dei prescelti si registrerà, infatti, solo un modestissimo incremento. Ma i posti sono ambiti in quanto fondamentali per dare spessore ai curricula e, dunque per offrire migliori possibilità di carriera a questi docenti avventizi.

    A differenza degli altri anni, quando il direttore sanitario Diego Paternosto ha fatto il bello e il cattivo tempo, gestendo tutte le scelte, stavolta, almeno in apparenza, il direttore generale Francesco Bottino ha avocato a sé tutta la gestione concorsuale. Il bando, la verifica dei titoli presentati e anche la scelta definitiva, che premierà un centinaio di nuovi docenti su circa 500 domande presentate fino al termine, scaduto ieri, lunedì 9 settembre.

    Abbiamo scritto apparentemente, perchè il direttore generale, manager di lungo corso e molto scafato nelle azioni tendenti a far credere quello che in realtà non è, potrebbe alla fine riunirsi proprio con il direttore sanitario che, essendo la propagine tecnico amministrativa di Paolo Romano all’interno dell’ospedale, è anche colui che è dotato di maggiore sensibilità rispetto ai pruriti e ai desiderata del presidente del Consiglio regionale, il quale, oltre a Paternosto ha anche un supporto di complemento, quello della signora capuana Giuliana Buonpane, che lavora a stretto contatto di gomito con un’altra signora, la Fizzotti, ormai storica presenza nelle segreterie di molti direttori generali, ultimo tra i quali Francesco Bottino.

    La Buonpane è una vera amazzone al servizio della causa, sicuramente di alto profilo politico di Paolo Romano.

    Dall’elenco dei prescelti che salterà fuori, vi diremo quanto abbia contato nelle scelte di Bottino la meritocrazia, quanto la sensibilità del direttore generale rispetto a certe professionalità interne e quanto, invece, le segnalazioni provenienti dal direttore sanitario e dall’area politica di Paolo Romano.

    Gianluigi Guarino

    PUBBLICATO IL: 10 settembre 2013 ALLE ORE 16:36